Menu
Natural Home Remedies healthy recipesNatural Home Remedies healthy lifestyle
Come il peperoncino può allungarci la vita

Come il peperoncino può allungarci la vita

Peperoncino di lunga vita, è proprio il caso di dirlo! Infatti, come emerge da una ricerca pubblicata poco tempo fa sulla rivista Journal of the American College of Cardiology, da parte di un team italiano dell'Istituto Neurologico Mediterraneo di Pozzilli Neuromed, consumare regolarmente pietanze contenenti peperoncino aiuta a proteggere cuore e cervello e a farci vivere più a lungo e più sani (Bonaccio et al, JACC, 2019).

Le proprietà del peperoncino

Il peperoncino è una spezia cardine della dieta Mediterranea. Grazie al suo principio attivo, la capsaicina, il peperoncino è antinfiammatorio, analgesico, contrasta sovrappeso e obesità, le degenerazioni cellulari e l'arteriosclerosi. Tuttavia, fino ad oggi, erano pochi e non molto approfonditi gli studi sui benefici del consumo regolare di peperoncino. Proprio per colmare questa lacuna, gli scienziati italiani del Neuromed hanno elaborato la ricerca di cui parliamo.

Il peperoncino protegge cuore, cervello e vasi sanguigni, lo studio

I ricercatori hanno reclutato 24.325 adulti di età superiore a 35 anni e scelti a caso tra la popolazione del Molise. Lo studio è iniziato nel 2005 ed è proseguito fino al 2010. In questi cinque anni i volontari sono stati sottoposti a questionari per valutare il loro consumo abituale di peperoncino. In particolare, ai partecipanti allo studio veniva chiesto di indicare quante volte a settimana consumavano piatti contenenti peperoncino. In più, i ricercatori hanno seguito i volontari per valutare il loro stato di salute. Quello che è emerso è che consumare il peperoncino almeno quattro volte a settimana ha portato ad una riduzione del 20% per quanto riguarda la mortalità causata da malattie cardiovascolari e infarto. Non solo, il consumo regolare, almeno 4 volte a settimana, di peperoncino si è dimostrato anche protettivo nei confronti del cervello, diminuendo del 40% il rischio di mortalità per malattie cerebrovascolari, come, per esempio, ictus o aneurismi. Degno di nota il fatto che l'azione del peperoncino è risultata più forte in persone non affette da ipertensione. L'ipertensione è quindi una condizione che potrebbe ostacolare l'azione benefica di questa spezia. Quindi sicuramente abbiamo un motivo in più per tenere sotto controllo la pressione con dieta e stile di vita.

Conclusioni

La salute è determinata dalla genetica, su cui noi non possiamo agire, ma anche dallo stile di vita e dalla dieta, fattori invece su cui noi abbiamo il pieno controllo. Quindi iniziamo sin da ora a migliorare la nostra qualità di vita e la nostra salute, scegliendo uno stile di vita attivo ma anche un'alimentazione sana e varia che possa includere, tra gli altri alimenti e spezie, anche il peperoncino. Il peperoncino, infatti, se consumato almeno 4 volte a settimana, aiuta a proteggere i vasi sanguigni, il cuore e il cervello.
AUTORE
Unisce la sua passione per uno stile di vita naturale e la sua formazione universitaria, è infatti laureata in fisica e ha il dottorato di ricerca in fisica, settore biofisica. Leggere articoli scientifici, documentarsi sulle ultime ricerche e testare nuovi metodi e ricette è quindi da sempre il suo lavoro, che, speriamo, di aver reso utile.
Natural Remedies App Logo
Scarica ora l'App Rimedi Naturali, l'app di benessere e salute naturale, è gratis!

Potrebbero anche interessarti queste ricerche scientifiche

Come il modo di cuocere la pasta può modificare l’indice glicemico
Come il modo di cuocere la pasta può modificare l’indice glicemico
La glicemia è la concentrazione di glucosio nel sangue. Il glucosio è la principale fonte di energia delle cellule e, in una persona sana, fluttua nel corso della giornata tra 70 e 120 mg/dl. Il glucosio si trova nei car
Agire fin da ora per contrastare l'Alzheimer, ecco cosa si può fare
Agire fin da ora per contrastare l'Alzheimer, ecco cosa si può fare
Per proteggere il nostro cervello e contrastare l'Alzheimer è importante agire fin da ora, cercando di ridurre il carico glicemico di quello che mangiamo. Quindi, meno carboidrati raffinati, zuccheri e dolci. Questo emer
Come l’alimentazione può aiutare a riparare i danni al DNA
Come l’alimentazione può aiutare a riparare i danni al DNA
Una dieta varia, che garantisca un adeguato apporto di frutta e verdura, contribuisce a farci vivere a lungo e in salute. Può aiutare infatti a tenere sotto controllo il colesterolo, la glicemia, il peso corporeo, apport
Una variante della dieta mediterranea può ridurre il rischio di sviluppare Alzheimer
Una variante della dieta mediterranea può ridurre il rischio di sviluppare Alzheimer
La salute del cervello è collegata a quella dell’intestino, si tratta del famoso asse intestino cervello di cui gli scienziati stanno studiando i meccanismi di azione. Da oggi un nuovo pezzo si aggiunge a questo affascin
Coronavirus, può essere trasmesso semplicemente parlando?
Coronavirus, può essere trasmesso semplicemente parlando?
Il nuovo coronavirus può essere trasmesso attraverso contatti diretti con persone infette, quindi strette di mano o abbracci, attraverso goccioline di saliva emesse da persone infette che stranutiscono o tossiscono, o at
Può un eccesso di zuccheri causare aggressività, impulsività, ADHD e disturbo bipolare?
Può un eccesso di zuccheri causare aggressività, impulsività, ADHD e disturbo bipolare?
Merendine, dolcetti confezionati, succhi ma anche cracker e salse, a volte questi alimenti possono nascondere un’insidia, il fruttosio. Il fruttosio è uno zucchero che si trova naturalmente presente nella frutta, come su
Contro il mal di testa lo zenzero può risultare un valido alleato
Contro il mal di testa lo zenzero può risultare un valido alleato
Lo zenzero ha una dimostrata azione antinfiammatoria e antidolorifica, utile, per esempio, in caso di artrite e dolori muscolari. Da oggi sappiamo che lo zenzero può diventare anche un prezioso alleato in caso di emicran
Può la curcuma contrastare l’obesità?
Può la curcuma contrastare l’obesità?
Si stima che un terzo dell’attuale popolazione mondiale sia in sovrappeso o obesa. Il problema è che l’obesità altera diverse funzioni del corpo e, sul lungo periodo, aumenta il rischio di sviluppare diabete tipo 2, mala
Rimedi naturali
Scarica l'App
Copyright © 2022 - Rimedi naturali Registered Brand 302018000008020
x