Close
Home Chi siamo App Rimedi Naturali Shop Il nostro libro Vita sana
Esercizi yoga Rimedi naturali fai da te Ricette Sane Oli essenziali Meditazione e relax Vitamine e sali minerali
Natural Remedies Logo Rimedi Naturali Rimedi Naturali
Con le fibre il cervello non invecchia

Con le fibre il cervello non invecchia

marzo 21, 2022
Share on Facebook Share on Twitter Share on Whatsapp Share on Pinterest Email

Sentiamo ovunque che è importante mangiare più fibre per portare benefici alla nostra salute. E in effetti le fibre sono indispensabili per il corretto funzionamento intestinale e per garantire salute al sistema cardiovascolare, grazie all'azione di controllo su glicemia e colesterolo. Ebbene, da oggi sappiamo anche che le fibre introdotte con la dieta risultano protettive per il cervello, aiutando a contrastare la demenza. Questo è quanto emerge da una recentissima ricerca pubblicata sulla rivista Nutritional Neuroscience da un team giapponese (Yamagishi et al, Nutritional Neuroscience, 2022).

Le fibre sono neuroprotettive, l'esperimento

I ricercatori hanno raccolto i dati riguardanti le abitudini alimentari di 3739 adulti, di età compresa tra 40 e 64 anni, tra gli anni 1985 e 1999. Queste stesse persone sono quindi state seguite fino al 2020 allo scopo di valutarne la salute e un'eventuale presenza di demenza. Confrontando tra loro i risultati, quello che è emerso è che in coloro che avevano l'abitudine di consumare più fibre il rischio di sviluppare demenza era inferiore. Ma i ricercatori non si sono fermati qui e hanno cercato di capire se ci sia una differenza tra l'azione delle fibre solubili e delle fibre insolubili sulla salute del cervello.

Il ruolo benefico delle fibre solubili

Esistono due tipi di fibre, le fibre solubili, che formano con l'acqua una massa gelatinosa, e le fibre insolubili, che invece hanno la caratteristica di inglobare acqua. Le fibre solubili sono contenute nell'avena e nei legumi e supportano la salute del microbiota intestinale. Le fibre insolubili si trovano nei cereali integrali e nei vegetali e sono importanti per il buon funzionamento dell'intestino. Ebbene, è emerso che le fibre solubili hanno mostrato un maggiore effetto protettivo sul cervello. Il meccanismo è ancora sconosciuto ma si ipotizza che abbia a che fare con il collegamento esistente e molto studiato tra microbiota e salute cerebrale, quello che gli esperti chiamano asse intestino cervello. Le fibre solubili promuovono la proliferazione dei batteri buoni del microbiota intestinale, che a loro volta contrastano le infiammazioni, anche le neuroinfiammazioni, riducendo così il rischio di sviluppare demenza. Infatti, le fibre solubili sono associate alla produzione di butirrato, che è una sostanza antinfiammatoria. Non solo, si ritiene che le fibre agiscano contrastando altri fattori che possono aprire la strada alla neurodegenerazione, come aumento del peso corporeo, della pressione, del colesterolo e del glucosio.

Conclusioni

Il lavoro è ancora agli inizi ma si prefigura molto promettente, permettendo di aggiungere un nuovo tassello a quel puzzle, complesso ma affascinante, che è il collegamento tra dieta e salute. Perché, alla fine, che si parli di prevenzione ai tumori, alle malattie cardiovascolari o all'Alzheimer il risultato è lo stesso, occorre mangiare vario e sano, senza dimenticare di integrare antiossidanti, vitamine, sali minerali e, soprattutto, fibre.

Share on Facebook Share on Twitter Share on Whatsapp Share on Pinterest Email
Natural Remedies
Scarica ora l'App Rimedi Naturali, l'app di benessere e salute naturale, è gratis!
Google Play
iTunes
App Rimedi Naturali: benessere, bellezza e salute
Lifestyle, dieta sana, cosmesi naturale
Remedies App Logo
I più letti