Menu
Natural Home Remedies healthy recipesNatural Home Remedies healthy lifestyle
Contro l'Alzheimer non è mai troppo tardi per agire

Contro l'Alzheimer non è mai troppo tardi per agire

Sudoku, carte, libri, scrivere? Non è mai troppo tardi per iniziare una di queste attività! E i benefici per la salute del cervello sono tangibili. Infatti, mantenendo un cervello attivo, anche durante la vecchiaia, è possibile contrastare l'insorgenza della malattia di Alzheimer. Questo è quanto emerge da una recentissima ricerca scientifica pubblicata sulla prestigiosa rivista Neurology, la rivista ufficiale dell'American Academy of Neurology, da parte di un team della Rush University Medical Center di Chicago (Wilson et al, Neurology, 2021).

Alzheimer e cervello

Diversi studi scientifici si sono dedicati o sono attualmente in corso per capire come contrastare, prevenire o almeno ritardare la malattia neurodegenerativa di Alzheimer. La ricerca di cui parliamo oggi fornisce un nuovo interessantissimo pezzo del puzzle e permette di capire che, per fare del bene al nostro cervello, non è mai troppo tardi per iniziare a tenerlo in allenamento. Ma cerchiamo di capire meglio.

Cervello attivo e demenze, l'esperimento

Per comprendere il legame tra attività cerebrale, svolta attraverso giochi, come le carte, rompicapi, come il sudoku, ma anche lettura e scrittura, e salute del cervello, gli scienziati hanno reclutato quasi 2000 persone, con un'età media di 80 anni e tutte in salute al momento dell'inizio della ricerca. Ai partecipanti allo studio è stato chiesto di compilare un questionario allo scopo di valutare la loro attività cerebrale. In particolare, le persone dovevano indicare quanti libri avevano letto nell'ultimo periodo, se avevano l'abitudine di scrivere o di cimentarsi in piccoli rompicapo o nel gioco delle carte. Non solo, ai partecipanti allo studio è stato anche chiesto di indicare la loro attività cerebrale negli anni passati e il grado di istruzione. I volontari sono quindi stati seguiti per 7 anni, venendo sottoposti ogni anno a test per valutare la funzionalità cognitiva e l'eventuale insorgenza di demenza.

Non è mai troppo tardi

Quello che è emerso è che il grado di istruzione non ha nessun legame con l'età in cui può insorgere l'Alzheimer. Non solo, aver mantenuto la mente attiva solo da giovani ha mostrato di avere un impatto minore sull'insorgenza di demenza rispetto invece all'averla mantenuta attiva in tarda età. Anzi, i benefici maggiori si sono propri osservati in chi, anche a 80 anni e più, ha iniziato, o proseguito se lo stava già facendo, a impegnare il cervello in attività come giochi, rompicapi, lettura e scrittura. In questi casi è stato osservato che un'eventuale demenza veniva ritardata di ben 5 anni.

Conclusioni

Pertanto, mantenere il cervello attivo anche in tarda età è protettivo contro l'Alzheimer. Quindi ora non ci sono più scuse, è importante sempre e a tutte le età svolgere attività che possano impegnare il cervello. E, soprattutto, non è mai troppo tardi per farlo.
AUTORE
Unisce la sua passione per uno stile di vita naturale e la sua formazione universitaria, è infatti laureata in fisica e ha il dottorato di ricerca in fisica, settore biofisica. Leggere articoli scientifici, documentarsi sulle ultime ricerche e testare nuovi metodi e ricette è quindi da sempre il suo lavoro, che, speriamo, di aver reso utile.
Natural Remedies App Logo
Scarica ora l'App Rimedi Naturali, l'app di benessere e salute naturale, è gratis!

Potrebbero anche interessarti queste ricerche scientifiche

Carne cotta a temperature troppo elevate? Aumenta il rischio di diabete tipo 2
Carne cotta a temperature troppo elevate? Aumenta il rischio di diabete tipo 2
Che un gran consumo di carni rosse sia connesso a un rischio più alto di sviluppare certi tipi di tumore è noto, così come il fatto che alcuni metodi di cottura come la griglia possano sviluppare sostanze cancerogene. Ma
L’anguria combatte gli effetti di una dieta troppo ricca di grassi
L’anguria combatte gli effetti di una dieta troppo ricca di grassi
L’estate inizia a farsi sentire e con il caldo c’è voglia di cibi leggeri e freschi, come l’anguria. L’anguria però non è solo una merenda rinfrescante, ma una scelta davvero salutare, proprio come dimostra una ricerca m
Una dieta troppo ricca di sale riduce la neuroplasticità e favorisce il declino cognitivo
Una dieta troppo ricca di sale riduce la neuroplasticità e favorisce il declino cognitivo
Una dieta ricca di sale può aumentare il rischio di alzare la pressione sanguigna, con danni per il cuore. Ma non è solo questo, una dieta che contiene troppo sale può anche alterare la funzionalità cognitiva e compromet
Ecco cosa fare per contrastare i danni al fegato causati da una dieta troppo ricca di grassi
Ecco cosa fare per contrastare i danni al fegato causati da una dieta troppo ricca di grassi
Contro i danni sul fegato di un'alimentazione ricca di zuccheri e grassi esiste un rimedio infallibile, l'esercizio fisico! Eh sì, perché una corsa o una camminata a passo svelto contrastano, attraverso diversi processi,
Capelli sottili e che cadono? La colpa forse è della dieta troppo ricca di grassi
Capelli sottili e che cadono? La colpa forse è della dieta troppo ricca di grassi
Cosa mangiamo può determinare la salute dei nostri capelli? Sembra proprio di sì, in base a una recente ricerca scientifica pubblicata poche settimane fa sulla prestigiosa rivista Nature da parte di un team giapponese de
La dieta che tiene lontano l'Alzheimer
La dieta che tiene lontano l'Alzheimer
La salute del nostro cervello dipende anche da quello che portiamo in tavola. Infatti, sempre più evidenze scientifiche dimostrano che una dieta ricca di polifenoli è in grado di migliorare la funzionalità cognitiva e di
Gli alimenti che proteggono dalle neurodegenerazioni come l'Alzheimer
Gli alimenti che proteggono dalle neurodegenerazioni come l'Alzheimer
Come viviamo e mangiamo oggi influenza la nostra salute futura. Questa affermazione sta guadagnando rilevanza man mano che vengono pubblicati sempre nuovi studi a suo supporto. E oggi parliamo proprio di una di queste ri
Come stabilire quando si prende troppo sole?
Come stabilire quando si prende troppo sole?
Prendere il sole, con i dovuti accorgimenti, fa bene in quanto in questo modo il corpo può fare scorta di vitamina D anche per l’inverno! Ma come capire quando il sole che stiamo prendendo è troppo e c’è il rischio di sc
Rimedi naturali
Scarica l'App
Copyright © 2022 - Rimedi naturali Registered Brand 302018000008020
x