Menu
Natural Home Remedies healthy recipesNatural Home Remedies healthy lifestyle
Contro le neurodegenerazioni si può agire, ecco i benefici della MIND diet sul cervello

Contro le neurodegenerazioni si può agire, ecco i benefici della MIND diet sul cervello

Nel bene o nel male quello che mangiamo può influenzare la nostra funzionalità cognitiva e il rischio di sviluppare demenza. Spesso, però, bastano piccole modifiche alla dieta per rallentare i processi di invecchiamento e proteggere il cervello, come testimonia una recentissima e interessantissima ricerca apparsa sulla rivista Journal of Alzheimer's Disease grazie al lavoro di un gruppo di scienziati americani del Rush University Medical Center, Chicago (Klodian et al, JAD, 2021).

Le cause dell'Alzheimer

I più recenti studi scientifici hanno osservato che l'accumulo di proteine beta amiloidi nel cervello, fino ad ora considerato l'unica causa dell'Alzheimer, in realtà non è sufficiente a innescare l'inizio della malattia. Infatti, occorre che sia presente anche la neuroinfiammazione. Può capitare, per esempio, che nel cervello siano presenti notevoli accumuli di proteine beta amiloidi ma che la persona conservi perfettamente la sua funzionalità cognitiva, questo significa che la neuroinfiammazione non ha raggiunto livelli tali da creare le condizioni per l'inizio vero e proprio dell'Alzheimer con tutti i suoi sintomi a livello cognitivo. L'infiammazione a livello cerebrale può essere attenuata grazie anche ad alcune scelte a tavola. In particolare, esiste una dieta, chiamata MIND diet, data dall'unione tra dieta Mediterranea e dieta DASH, elaborata per il controllo dell'ipertensione. Ebbene, questa dieta sarebbe risultata protettiva per la salute del cervello. Proprio per comprendere meglio questo effetto benefico i ricercatori hanno elaborato lo studio di cui parliamo oggi, volto a verificare gli effettivi benefici della MIND diet sulla funzionalità cognitiva, anche in presenza di accumuli di proteine beta amiloidi.

La MIND diet

Prima di vedere più in dettaglio lo studio, però, cerchiamo di capire in cosa consiste la MIND diet. Per prima cosa è una dieta elastica, nel senso che si limita a raccomandare un numero minimo di porzioni di determinati alimenti salutari e un massimo di porzioni per gli alimenti considerati maggiormente infiammatori. Pertanto, è una dieta semplice da seguire. La MIND diet prevede, al giorno, almeno tre porzioni di cereali integrale, un vegetale a foglia verde e un altro tipo di vegetale che non sia a foglia verde. Lo snack giornaliero dovrebbe essere a base di frutta secca. A giorni alterni la persona dovrebbe includere nella propria alimentazione i legumi, mentre pollame e frutti di bosco dovrebbero essere consumati almeno due volte a settimana, il pesce almeno una volta a settimana. Alcuni cibi invece andrebbero limitati. In particolare, il burro non dovrebbe superare un cucchiaino e mezzo al giorno, per quanto riguarda dolci, pasticcini, formaggi grassi, fast food e fritti questi dovrebbero essere limitati a meno di una porzione a settimana.

LA MIND diet protegge la funzionalità cognitiva

I ricercatori si sono basati sui dati riguardanti dieta e salute di 569 partecipanti ad un grande studio, chiamato Alzheimer's Disease Center's ongoing Memory and Aging Project. Dal 2004, ogni anno, ai volontari, tutti con più di 65 anni, è richiesto di compilare un questionario, specificando la loro dieta abituale, e di sottoporsi a test ed esami per valutare la funzionalità cognitiva e l'accumulo di proteine beta amiloidi. Nello studio di cui parliamo oggi, i ricercatori si sono serviti di questi dati per calcolare il grado di aderenza alla MIND diet e collegare questa misura allo stato di salute del cervello. Quello che è emerso, è che chi presenta un alto grado di aderenza alla dieta MIND presenta anche una maggiore capacità di memorizzare e pensare, indipendentemente dalla presenza di accumuli di proteine beta amiloidi. Questo tipo di dieta, quindi, risulta neuroprotettiva e capace di aumentare la resilienza cognitiva anche in persone anziane.

Conclusioni

Ecco quindi la prova che bastano piccoli accorgimenti, anche a tavola, per portare beneficio al cervello e rallentare o scongiurare il decadimento cognitivo.
AUTORE
Unisce la sua passione per uno stile di vita naturale e la sua formazione universitaria, è infatti laureata in fisica e ha il dottorato di ricerca in fisica, settore biofisica. Leggere articoli scientifici, documentarsi sulle ultime ricerche e testare nuovi metodi e ricette è quindi da sempre il suo lavoro, che, speriamo, di aver reso utile.
Natural Remedies App Logo
Scarica ora l'App Rimedi Naturali, l'app di benessere e salute naturale, è gratis!

Potrebbero anche interessarti queste ricerche scientifiche

Come una dieta sana può aggiungere più di 10 anni di vita
Come una dieta sana può aggiungere più di 10 anni di vita
È il sogno di tutti gli esseri umani quello di prolungare la durata della propria vita, e di farlo garantendosi però anche salute di corpo e mente. E forse oggi abbiamo trovato la nostra pietra filosofale, capace di prod
Può l’uovo di Pasqua al cioccolato proteggere dal diabete e dall’obesità?
Può l’uovo di Pasqua al cioccolato proteggere dal diabete e dall’obesità?
Anche se può sembrare strano, in base alle ultime ricerche scientifiche è proprio così, ma il cioccolato deve essere fondente, con un contenuto di cacao almeno al 70%. Questo effetto benefico infatti è da ricondursi ai f
Può il caffè aumentare il rischio di ipertensione?
Può il caffè aumentare il rischio di ipertensione?
Bere caffè aumenta il rischio di ipertensione? Quanti se lo saranno chiesto, visto anche che il caffè è una delle bevande più amate e bevute al mondo. Ebbene, sembra proprio che il caffè possa persino ridurre il rischio
Quercetina, l’antiossidante naturale che può sconfiggere il coronavirus?
Quercetina, l’antiossidante naturale che può sconfiggere il coronavirus?
Medici e scienziati sono al lavoro per cercare un vaccino e una cura efficace contro il nuovo coronavirus, un tipo di virus che fino ad oggi non era mai stato osservato nell’uomo. Al di là delle importantissime misure di
Come l'esercizio fisico può contrastare i danni sui vasi sanguigni causati dal diabete
Come l'esercizio fisico può contrastare i danni sui vasi sanguigni causati dal diabete
Il diabete può provocare danni ai vasi sanguigni, impedendo anche che il corpo possa produrne di nuovi per prendere il posto di quelli danneggiati. Quale strumento abbiamo dalla nostra parte per contrastare questo effett
Glicemia e degenerazioni cellulari, può la dieta aiutare a ridurre il rischio di tumore al seno?
Glicemia e degenerazioni cellulari, può la dieta aiutare a ridurre il rischio di tumore al seno?
Nei nostri articoli parliamo spesso di quanto sia importante evitare i pericolosi picchi glicemici e tenere la glicemia sotto controllo. Infatti, quando la glicemia tende a rimanere elevata per lunghi periodi di tempo au
Come l’esercizio fisico può aiutare a prevenire l’Alzheimer
Come l’esercizio fisico può aiutare a prevenire l’Alzheimer
L’emergenza coronavirus ha, almeno momentaneamente, fatto passare in secondo piano altri importantissimi temi che riguardano la salute. Tuttavia, riteniamo che anche ora sia indispensabile parlarne, soprattutto quando ve
Coronavirus, la salute del microbiota può influenzare la lotta al virus
Coronavirus, la salute del microbiota può influenzare la lotta al virus
Che le scelte a tavola e lo stile di vita abbiano un ruolo importante per la salute del sistema immunitario è indubbio. Ora, in base ad una recente ricerca scientifica pubblicata sulla rivista Virus research da un team d
Rimedi naturali
Scarica l'App
Copyright © 2022 - Rimedi naturali Registered Brand 302018000008020
x