Menu
Natural Home Remedies healthy recipesNatural Home Remedies healthy lifestyle
Coronavirus, camminata, corsa o bici, come cambia la distanza di sicurezza?

Coronavirus, camminata, corsa o bici, come cambia la distanza di sicurezza?

L’emergenza coronavirus ha imposto l’attuazione di regole e linee guida molto rigide, sia igieniche, come lavarsi spesso le mani con acqua e sapone per un minuto, non portarsi al volto le mani sporche o usare soluzioni disinfettanti per mani che contengano almeno il 60% di alcool, che di distanziamento sociale. In particolare, è richiesto che le persone mantengano tra loro una distanza di sicurezza di 1 metro, meglio se due. Tuttavia, come sottolineato dagli scienziati, questa distanza di sicurezza vale per persone ferme, cosa succede in caso di persone che camminano, corrono e vanno in bici? Un articolo in fase preprint, cioè non ancora pubblicato, ed elaborato da un team di scienziati belgi e olandesi cerca di fare chiarezza (Blocken et al, 2020).

Coronavirus e il ruolo della scia quando ci si muove

Il punto è che, quando ci muoviamo, si forma dietro di noi una scia che cattura anche le goccioline di saliva che emettiamo tossendo, starnutendo, parlando o semplicemente respirando. I ricercatori hanno studiato il comportamento di questa scia usando le leggi dell’aerodinamica e simulazioni con le gallerie del vento. Quello che è emerso è che il rischio di esposizione al virus cresce se si cammina, si corre o si va in bicicletta rimanendo uno dietro l’altro a distanze ridotte, che si intendono anche 1 o 2 metri.

Coronavirus, corsa e camminata, cosa suggeriscono gli scienziati

Attenzione però, gli scienziati non stanno dicendo che camminare o correre aumenta il rischio di contrarre il nuovo coronavirus. Quello che viene affermato è che, per praticare attività fisica in sicurezza, bisognerebbe attuare uno di questi due accorgimenti. O evitare di stare uno dietro l’altro ma di lato e a una distanza di 2 metri. Oppure in linea ma aumentando il distanziamento, in particolare, per chi cammina la distanza considerata di sicurezza è stata stimata a 5 metri, per chi corre 10 metri, in bicicletta 20 metri.

Coronavirus, limiti dello studio

È bene tuttavia precisare che lo studio non è ancora stato pubblicato ma si trova in versione preprint, questo significa che ancora non è stato analizzato da una commissione di esperti. Non solo, lo studio non tiene in considerazione il vento, che potrebbe far aumentare le distanze tra persone, e le goccioline di piccole dimensioni. In ogni caso, è sicuramente utile a capire che in alcune condizioni per una maggiore sicurezza sarebbe bene aumentare il distanziamento sociale.
AUTORE
Unisce la sua passione per uno stile di vita naturale e la sua formazione universitaria, è infatti laureata in fisica e ha il dottorato di ricerca in fisica, settore biofisica. Leggere articoli scientifici, documentarsi sulle ultime ricerche e testare nuovi metodi e ricette è quindi da sempre il suo lavoro, che, speriamo, di aver reso utile.
Natural Remedies App Logo
Scarica ora l'App Rimedi Naturali, l'app di benessere e salute naturale, è gratis!

Potrebbero anche interessarti queste ricerche scientifiche

Coronavirus, quanto tempo sopravvive sulle superfici?
Coronavirus, quanto tempo sopravvive sulle superfici?
La pandemia del nuovo coronavirus ha reso necessario indirizzare tutti gli sforzi e le risorse nelle attività di ricerca, non solo per trovare vaccino e cura, ma anche per comprendere il comportamento del virus. Capire,
Coronavirus, come temperatura e superfici ne modificano la sopravvivenza fuori dal corpo
Coronavirus, come temperatura e superfici ne modificano la sopravvivenza fuori dal corpo
È vero che il nuovo coronavirus rallenta con il caldo? E cosa succede quando contamina i vestiti o le banconote? Queste sono domande che tutti noi ci siamo fatti nelle ultime settimane, da quando è esplosa l’emergenza co
Coronavirus, l’importanza di ventilare bene gli ambienti chiusi
Coronavirus, l’importanza di ventilare bene gli ambienti chiusi
Pochi giorni fa è stato pubblicato sulla prestigiosa rivista PNAS da parte di un team americano dell’Università di Philadelphia (Stadnytskyi et al, May 2020) un articolo molto interessante che potrebbe fare luce su una p
Coronavirus, la distanza di sicurezza tra persone
Coronavirus, la distanza di sicurezza tra persone
Contro il Coronavirus abbiamo un’arma in più rispetto al passato. Abbiamo infatti dalla nostra la grande evoluzione scientifica che, negli anni, è progredita, si è arricchita di strumenti sempre più potenti e sofisticati
Coronavirus, può essere trasmesso semplicemente parlando?
Coronavirus, può essere trasmesso semplicemente parlando?
Il nuovo coronavirus può essere trasmesso attraverso contatti diretti con persone infette, quindi strette di mano o abbracci, attraverso goccioline di saliva emesse da persone infette che stranutiscono o tossiscono, o at
Coronavirus, è provato, la vitamina D rende il virus meno aggressivo
Coronavirus, è provato, la vitamina D rende il virus meno aggressivo
Qualche settimana fa era stata avanzata l’ipotesi da parte di due medici torinesi che la carenza di vitamina D potesse causare un decorso più complicato nell’infezione da COVID-19. Ora, un articolo in fase preprint, cioè
Coronavirus, il ruolo dei probiotici
Coronavirus, il ruolo dei probiotici
Contro il coronavirus le armi a nostra disposizione sono il distanziamento sociale, lavarsi le mani spesso con acqua e sapone per un minuto, usare soluzioni disinfettanti con alcool almeno al 60% su mani e superfici, sta
Coronavirus, nuove linee guida e norme igienico sanitarie
Coronavirus, nuove linee guida e norme igienico sanitarie
Aggiorniamo la sezione riguardante il nuovo coronavirus. In questo momento l’informazione è importante, perché tutti noi, con piccoli gesti e accorgimenti, possiamo contribuire a ridurre il diffondersi del virus. Ma è an
Rimedi naturali
Scarica l'App
Copyright © 2022 - Rimedi naturali Registered Brand 302018000008020
x