Menu
Natural Home Remedies healthy recipesNatural Home Remedies healthy lifestyle
Coronavirus, gli anticorpi trovati in tutte le persone infettate

Coronavirus, gli anticorpi trovati in tutte le persone infettate

Il nuovo Coronavirus era, fino a pochi mesi fa, un virus mai osservato prima nell’uomo e, per questa ragione, è anche poco conosciuto. Una delle domande che si sono fatti medici e scienziati fin da subito è se il contatto con il virus possa far sviluppare anticorpi nel nostro corpo. Questa domanda trova finalmente risposta grazie ad una ricerca pubblicata pochi giorni fa sulla prestigiosissima rivista Nature Medicine da parte di scienziati cinesi (Long et al, 2020). Vediamo di capire cosa è stato osservato e quali sono le conseguenze di ciò.

Coronavirus, tutti i malati sviluppano anticorpi

I ricercatori hanno analizzato la risposta immunitaria di 285 pazienti infettati da COVID-19. Ebbene, dopo 19 giorni dalla comparsa dei primi sintomi, tutti i pazienti presentavano anticorpi IgG, o immunoglobuline G. Questi anticorpi vengono sviluppati dal corpo dopo qualche settimana dall’infezione e rimangono per diverso tempo.

Coronavirus, il significato della ricerca

Come sottolineato dagli autori della ricerca, questo risultato è molto importante in quanto permette di utilizzare i test che ricercano anticorpi IgG nella lotta al coronavirus. In particolare, sarebbe possibile così includere i test per gli anticorpi in aggiunta ai tamponi per la diagnosi di casi sospetti, a volte, infatti, i tamponi possono dare esito negativo anche se il virus è ancora presente. In più, i test degli anticorpi potrebbero essere utili per rilevare gli asintomatici.
Coronavirus, gli anticorpi in chi ha già contratto il virus possono garantire l’immunità? - A questa domanda la scienza non ha ancora dato una risposta. Infatti, l’articolo in questione non dice nulla sulla possibilità che una persona che ha già contratto il virus possa ammalarsi nuovamente. La speranza è che gli anticorpi possano garantire protezione, almeno per 12-24 mesi come con virus simili. Tuttavia, alcune ricerche osservano che persone infettate una volta si sono ammalate nuovamente. Al contrario, altri studi affermano che questi casi di persone che si sono ammalate nuovamente sono in realtà solo falsi positivi. Per cui, allo stato attuale, non essendoci chiarezza, non è possibile dare una risposta al riguardo.
AUTORE
Unisce la sua passione per uno stile di vita naturale e la sua formazione universitaria, è infatti laureata in fisica e ha il dottorato di ricerca in fisica, settore biofisica. Leggere articoli scientifici, documentarsi sulle ultime ricerche e testare nuovi metodi e ricette è quindi da sempre il suo lavoro, che, speriamo, di aver reso utile.
Natural Remedies App Logo
Scarica ora l'App Rimedi Naturali, l'app di benessere e salute naturale, è gratis!

Potrebbero anche interessarti queste ricerche scientifiche

Coronavirus, si va verso nuove possibilità di trattamento
Coronavirus, si va verso nuove possibilità di trattamento
L’emergenza coronavirus ha reso necessario schierare in campo tutte le forze possibili nella ricerca di un vaccino e di una cura. Se per il vaccino i tempi sono lunghi, si parla di un anno, attualmente sono in corso dive
Coronavirus, nuove linee guida e norme igienico sanitarie
Coronavirus, nuove linee guida e norme igienico sanitarie
Aggiorniamo la sezione riguardante il nuovo coronavirus. In questo momento l’informazione è importante, perché tutti noi, con piccoli gesti e accorgimenti, possiamo contribuire a ridurre il diffondersi del virus. Ma è an
Coronavirus, occhi, occhiali e lenti a contatto
Coronavirus, occhi, occhiali e lenti a contatto
Il coronavirus è un virus molto contagioso contro il quale stiamo combattendo ogni giorno. Man mano che passa il tempo è però possibile comprendere qualcosa di più sul suo comportamento, sul modo di contagio e sulle situ
Coronavirus, il ruolo dei flussi d’aria e delle mascherine nel contagio
Coronavirus, il ruolo dei flussi d’aria e delle mascherine nel contagio
Quanto proteggono le mascherine dall’infezione da nuovo coronavirus? E ancora, il virus viene trasmesso con i flussi d’aria? Queste domande hanno trovato una risposta grazie ad uno studio molto recente in via di pubblica
Coronavirus, il possibile ruolo protettivo della vitamina D
Coronavirus, il possibile ruolo protettivo della vitamina D
È di pochi giorni fa un comunicato stampa di due medici, Prof. Giancarlo Isaia, Docente di Geriatria e Presidente dell’Accademia di Medicina di Torino, e Prof. Enzo Medico, Professore Ordinario di Istologia all’Universit
Coronavirus, il ruolo di dieta e stile di vita
Coronavirus, il ruolo di dieta e stile di vita
Uno studio molto recente, pubblicato poche settimane fa sulla rivista Clinical Immunology da parte di un team norvegese, francese e tailandese (Gasmi et al, 2020), ha analizzato come dieta, stile di vita e igiene possano
Coronavirus, da Pittsburgh un possibile vaccino?
Coronavirus, da Pittsburgh un possibile vaccino?
Gli scienziati di tutto il mondo sono al lavoro per fornirci sempre più armi contro il nuovo coronavirus. Una nuova speranza sembra arrivare dall’Università di Pittsburgh, School of Medicine, dove un team di ricercatori
Coronavirus, igiene in casa
Coronavirus, igiene in casa
L’emergenza coronavirus ha reso necessario per diversi governi ordinare misure importanti, come la chiusura di scuole e di molte attività commerciali, smart working e entrate contingentate nei supermercati. Questo allo s
Rimedi naturali
Scarica l'App
Copyright © 2022 - Rimedi naturali Registered Brand 302018000008020
x