Coronavirus, gli anticorpi trovati in tutte le persone infettate

Il nuovo Coronavirus era, fino a pochi mesi fa, un virus mai osservato prima nell’uomo e, per questa ragione, è anche poco conosciuto. Una delle domande che si sono fatti medici e scienziati fin da subito è se il contatto con il virus possa far sviluppare anticorpi nel nostro corpo. Questa domanda trova finalmente risposta grazie ad una ricerca pubblicata pochi giorni fa sulla prestigiosissima rivista Nature Medicine da parte di scienziati cinesi (Long et al, 2020). Vediamo di capire cosa è stato osservato e quali sono le conseguenze di ciò.

Coronavirus, tutti i malati sviluppano anticorpi

I ricercatori hanno analizzato la risposta immunitaria di 285 pazienti infettati da COVID-19. Ebbene, dopo 19 giorni dalla comparsa dei primi sintomi, tutti i pazienti presentavano anticorpi IgG, o immunoglobuline G. Questi anticorpi vengono sviluppati dal corpo dopo qualche settimana dall’infezione e rimangono per diverso tempo.

Coronavirus, il significato della ricerca

Come sottolineato dagli autori della ricerca, questo risultato è molto importante in quanto permette di utilizzare i test che ricercano anticorpi IgG nella lotta al coronavirus. In particolare, sarebbe possibile così includere i test per gli anticorpi in aggiunta ai tamponi per la diagnosi di casi sospetti, a volte, infatti, i tamponi possono dare esito negativo anche se il virus è ancora presente. In più, i test degli anticorpi potrebbero essere utili per rilevare gli asintomatici.

Coronavirus, gli anticorpi in chi ha già contratto il virus possono garantire l’immunità?

A questa domanda la scienza non ha ancora dato una risposta. Infatti, l’articolo in questione non dice nulla sulla possibilità che una persona che ha già contratto il virus possa ammalarsi nuovamente. La speranza è che gli anticorpi possano garantire protezione, almeno per 12-24 mesi come con virus simili. Tuttavia, alcune ricerche osservano che persone infettate una volta si sono ammalate nuovamente. Al contrario, altri studi affermano che questi casi di persone che si sono ammalate nuovamente sono in realtà solo falsi positivi. Per cui, allo stato attuale, non essendoci chiarezza, non è possibile dare una risposta al riguardo.
Scarica ora l'App Rimedi Naturali, l'app di benessere e salute naturale, è gratis!
Scarica l'App
Copyright © 2020 - naturallifeapp.com Registered Brand 302018000008020
x
Home
Chi siamo
App
Rimedi naturali
Esercizi Yoga
Rimedi fai da te
Ricette Sane
Oli essenziali
Cerca
Il nostro libro
Shop