Menu
Natural Home Remedies healthy recipesNatural Home Remedies healthy lifestyle
Coronavirus, l’importanza di ventilare bene gli ambienti chiusi

Coronavirus, l’importanza di ventilare bene gli ambienti chiusi

Pochi giorni fa è stato pubblicato sulla prestigiosa rivista PNAS da parte di un team americano dell’Università di Philadelphia (Stadnytskyi et al, May 2020) un articolo molto interessante che potrebbe fare luce su una possibile causa di contagio da nuovo coronavirus in ambienti chiusi. Gli scienziati hanno osservato che parlare può generare migliaia di goccioline che rimangono nell’aria anche fino a 14 minuti. Ma vediamo di capire meglio.

Coronavirus, come può avvenire il contagio

Come sappiamo, il contagio può avvenire per contatto diretto con goccioline di saliva infette emesse da persone malate che starnutiscono o tossiscono. Ma esistono anche altri modi di contagio. Le goccioline infette, infatti, possono depositarsi sulle superfici e se una persona entra in contatto con queste superfici, per esempio toccandole, e poi si porta le mani al volto è possibile un contagio. Non solo, come la ricerca di cui parliamo oggi ha osservato, le goccioline emesse quando si parla possono rimanere in aria anche fino a 14 minuti e da lì venire inalate da altre persone.

Coronavirus, spieghiamo l’esperimento

Gli scienziati hanno chiesto a dei volontari di parlare all’interno di una scatola di cartone ripetendo una frase, stay healthy. Grazie all’uso di laser verdi i ricercatori hanno studiato l’emissione di goccioline di saliva, valutandone la durata di vita e anche la dimensione. Quest’ultimo aspetto è importante in quanto, una volta emesse, le goccioline rimpiccioliscono a causa dell’evaporazione e questo può determinare sia la velocità di caduta a terra delle particelle stesse, che rallenta al diminuire della dimensione, sia la probabilità di contenere il virus. Quello che i ricercatori hanno visto è che, in un minuto di chiacchierata, una persona infetta può arrivare a produrre fino a 1000 goccioline infette che rimangono in aria da 8 a 14 minuti.

Conseguenze dell’esperimento, limiti e il problema degli ambienti chiusi

L’esperimento è sicuramente molto importante. Certamente è limitato in quanto analizza la situazione in un ambiente troppo distante da quello reale, senza valutare le correnti d’aria, in più non considera quanto virus devono contenere le goccioline per risultare davvero infette. Tuttavia, i risultati andrebbero tenuti in considerazione, soprattutto per valutare il rischio negli ambienti chiusi come ristoranti o negozi e l’azione di persone asintomatiche. Per questo motivo è importante, soprattutto negli ambienti chiusi, oltre a rispettare il distanziamento sociale, indossare le mascherine e arieggiare spesso le stanze.
AUTORE
Unisce la sua passione per uno stile di vita naturale e la sua formazione universitaria, è infatti laureata in fisica e ha il dottorato di ricerca in fisica, settore biofisica. Leggere articoli scientifici, documentarsi sulle ultime ricerche e testare nuovi metodi e ricette è quindi da sempre il suo lavoro, che, speriamo, di aver reso utile.
Natural Remedies App Logo
Scarica ora l'App Rimedi Naturali, l'app di benessere e salute naturale, è gratis!

Potrebbero anche interessarti queste ricerche scientifiche

Coronavirus, domande e risposte
Coronavirus, domande e risposte
Il coronavirus si sta diffondendo, è vero, ma è possibile contrastarlo con semplici regole che tutti noi dovremmo fare nostre. Si tratta, per un certo periodo di tempo, di ridurre la socialità, mantenere la distanza tra
Coronavirus, negli ambienti chiusi è importante una buona ventilazione
Coronavirus, negli ambienti chiusi è importante una buona ventilazione
Come si può spiegare l’elevato grado di contagiosità del nuovo coronavirus? Gli scienziati si stanno interrogando su questa domanda e diversi studi sembrerebbero indicare un ruolo chiave giocato dagli aerosol, le gocciol
Coronavirus, scoperto un anticorpo capace di bloccare il virus
Coronavirus, scoperto un anticorpo capace di bloccare il virus
La ricerca sta procedendo molto velocemente per cercare possibili trattamenti per contrastare l’avanzata del nuovo coronavirus. È di pochi giorni fa la ricerca pubblicata sulla prestigiosissima rivista Nature Communicati
Coronavirus, asma e allergia ai pollini
Coronavirus, asma e allergia ai pollini
La fine del lockdown è coincisa anche con l’inizio della stagione delle allergie. Fiori, piante e pollini fanno tossire, starnutire, colare il naso e, in persone predisposte, causano anche l’asma. È normale chiedersi se
Coronavirus, le mascherine fatte in casa proteggono?
Coronavirus, le mascherine fatte in casa proteggono?
L’emergenza coronavirus, che si è rivelata più virulenta del previsto, ha reso le mascherine uno strumento di protezione personale necessario ma, purtroppo, non sempre facilmente reperibile o acquistabile a prezzi giusti
Coronavirus, cosa sappiamo della cura con il plasma
Coronavirus, cosa sappiamo della cura con il plasma
Contro il Coronavirus la scienza sta correndo per trovare possibili vie di cura e un vaccino. Nelle ultime settimane si è sentito parlare molto della terapia con plasma iperimmune, su cui si stanno concentrando diversi s
Coronavirus, gli effetti di ibuprofene e vitamina C
Coronavirus, gli effetti di ibuprofene e vitamina C
Contro il coronavirus ognuno può fare molto, rimanendo a casa il più possibile e uscendo solo per necessità, evitando assembramenti di persone, mantenendo la distanza di almeno un metro tra persone, non toccandosi la fac
Coronavirus, si va verso nuove possibilità di trattamento
Coronavirus, si va verso nuove possibilità di trattamento
L’emergenza coronavirus ha reso necessario schierare in campo tutte le forze possibili nella ricerca di un vaccino e di una cura. Se per il vaccino i tempi sono lunghi, si parla di un anno, attualmente sono in corso dive
Rimedi naturali
Scarica l'App
Copyright © 2022 - Rimedi naturali Registered Brand 302018000008020
x