Menu
Natural Home Remedies healthy recipesNatural Home Remedies healthy lifestyle
La cistite ricorrente è collegata a un microbiota poco vario, ecco come proteggerci da queste infezioni

La cistite ricorrente è collegata a un microbiota poco vario, ecco come proteggerci da queste infezioni

Abbiamo già avuto modo di vedere che un microbiota intestinale in salute e con una grande diversità è in grado di ridurre l'infiammazione cronica e di sostenere il sistema immunitario. Oggi discutiamo del fatto che, quando il microbiota intestinale è in sofferenza e si presenta con una scarsa varietà di ceppi di batteri, spesso a causa di un uso eccessivo di antibiotici, è facile notare casi di cistite ricorrente e un aumento dei livelli di infiammazione. Questi risultati sono stati pubblicati pochi giorni fa sulla prestigiosa rivista Nature Microbiology grazie a una collaborazione tra la Washington University School of Medicine di St. Louis e the Broad Institute of MIT and Harvard (Worby et al, Nature Microbiology, 2022).

Antibiotici e cistite, un circolo vizioso

Gli scienziati sono partiti dall'osservazione che, in caso di cistite, cicli di antibiotici sono in grado di risolvere il problema solo temporaneamente, aprendo poi la strada ad altre cistiti. Come suggerito da recenti studi, sembra proprio che gli antibiotici, pur curando l'infezione in atto, creino allo stesso tempo un terreno favorevole ad infezioni successive. Proprio per meglio comprendere questa considerazione e per capire come agire contro la cistite ricorrente i ricercatori americani hanno elaborato lo studio di cui parliamo oggi.

Cistite ricorrente e microbiota, ecco il collegamento

Sono state reclutate 30 donne, metà con una storia di cistite ricorrente e metà in salute. Le donne sono state sottoposte a visite ed esami medici una volta al mese per un anno. Quello che è emerso è che, sia in presenza di cistite ricorrente che in caso di totale assenza di infezione, il batterio Escherichia coli, il principale responsabile della cistite, era sempre presente nell'intestino. Quindi, questo significa che, nonostante i cicli di antibiotici, i medicinali non sono in grado di debellare il batterio completamente che, anzi, è sempre presente anche in condizioni di perfetta salute. Gli scienziati hanno però osservato un'altra particolarità, che spiega come mai alcune persone sono più soggette di altre a sviluppare cistite e poi cistite ricorrente. Tutto dipende dallo stato di salute e dalla diversità del microbiota intestinale. Nelle donne con cistite ricorrente, il microbiota intestinale si presenta meno vario e soprattutto privo o almeno carente di batteri capaci di produrre butirrato, una sostanza dall'azione antinfiammatoria e protettiva contro eventuali infezioni del tratto urinario. È probabile che sia stato anche l'uso degli antibiotici contro la cistite a ridurre la diversità del microbiota creando così un circolo vizioso che da una cistite crea le condizioni favorevoli per altre infezioni. Invece, le donne con una maggiore diversità per quanto riguarda il microbiota intestinale e con batteri che producono butirrato presentano una maggiore protezione da parte del corpo stesso, capace di tenere a bada il batterio Escherichia coli.

Per contrastare la cistite è essenziale iniziare ad agire fin da subito

Importante quindi è agire sul proprio microbiota intestinale, che, come abbiamo visto, se è in salute ha importanti benefici su tutto l'organismo, aiutando anche a prevenire la cistite. Possiamo essere portati a pensare, però, che, una volta che il microbiota si è impoverito, noi possiamo fare poco per migliorare la sua condizione. Questo, per nostra fortuna, non è esatto. Infatti, come testimonia un'importante ricerca scientifica di qualche anno fa pubblicata su Nature, bastano in realtà dieci giorni di una dieta sana e varia per modificare il nostro microbiota (David et al, Nature, 2014). E se vogliamo aumentarne la diversità e ridurre l'infiammazione, possiamo includere nella dieta alimenti fermentati che, come abbiamo avuto già modo di vedere, proteggono il microbiota intestinale, aumentandone la diversità e riducendo ben 19 indicatori dell'infiammazione (Wastyk et al, Cell, 2021). Non resta che iniziare subito a prenderci cura del nostro microbiota intestinale.
AUTORE
Unisce la sua passione per uno stile di vita naturale e la sua formazione universitaria, è infatti laureata in fisica e ha il dottorato di ricerca in fisica, settore biofisica. Leggere articoli scientifici, documentarsi sulle ultime ricerche e testare nuovi metodi e ricette è quindi da sempre il suo lavoro, che, speriamo, di aver reso utile.
Natural Remedies App Logo
Scarica ora l'App Rimedi Naturali, l'app di benessere e salute naturale, è gratis!

Potrebbero anche interessarti queste ricerche scientifiche

Cranberry, il mirtillo americano contro la cistite
Cranberry, il mirtillo americano contro la cistite
Le infezioni del tratto urinario sono le più comuni infezioni nell’uomo e interessano circa 150 milioni di persone ogni anno in tutto il mondo. L’introduzione nella propria dieta del cranberry, o mirtillo rosso americano
Contro la cistite resistente agli antibiotici un aiuto dagli oli essenziali di tea tree e timo
Contro la cistite resistente agli antibiotici un aiuto dagli oli essenziali di tea tree e timo
Uno dei disturbi più comuni, che prima o poi tutti, nel corso della vita, sperimentiamo, è dato sicuramente dalle infezioni del tratto urinario causate da alcuni batteri come Escherichia coli, ma anche Staphylococcus sap
D mannosio per prevenire e trattare la cistite, anche ricorrente
D mannosio per prevenire e trattare la cistite, anche ricorrente
La cistite, soprattutto se ricorrente, è un disturbo spiacevole con ripercussioni nella vita di tutti i giorni. La review di cui parliamo oggi mostra i progressi fatti dalla scienza negli ultimi anni e i risultati degli
Da oggi un motivo in più per bere caffè e tè, proteggono cuore e cervello!
Da oggi un motivo in più per bere caffè e tè, proteggono cuore e cervello!
Più di semplici bevande voluttuarie, caffè e tè possono diventare una vera scelta di benessere. Infatti, è stato osservato che bere caffè e tè riduce il rischio di infarto e di sviluppare demenza, come emerge da una rece
Quali sono gli alimenti che proteggono la vista
Quali sono gli alimenti che proteggono la vista
Gli occhi sono il nostro mezzo con cui ci rapportiamo al mondo esterno. Ma gli occhi, con gli anni, possono anche andare incontro a malattie come degenerazione maculare, retinopatia diabetica, glaucoma e cataratta, che p
Dieta o integratori per rinforzare il sistema immunitario contro le infezioni?
Dieta o integratori per rinforzare il sistema immunitario contro le infezioni?
Alcune sostanze, come le vitamine A, C e D, sali minerali come il selenio e lo zinco ma anche probiotici, beta carotene e acidi grassi omega 3 hanno mostrato di saper modulare il sistema immunitario. Questo significa che
Contro il colesterolo più resistente e il grasso viscerale un aiuto da carciofi e bergamotto
Contro il colesterolo più resistente e il grasso viscerale un aiuto da carciofi e bergamotto
Contro il colesterolo più resistente e il grasso viscerale un aiuto sembra venire dalla sinergia tra carciofo e bergamotto. Ecco quindi due nuovi e potenti alleati per la nostra salute, capaci anche di ridurre il rischio
Come la dieta e il microbiota possono proteggere il cuore e i vasi sanguigni
Come la dieta e il microbiota possono proteggere il cuore e i vasi sanguigni
Il microbiota è l’insieme dei batteri che popolano il nostro intestino. Subito siamo portati a pensare che il ruolo del microbiota sia limitato alla digestione, ma in realtà sempre più studi scientifici stanno dimostrand
Rimedi naturali
Scarica l'App
Copyright © 2022 - Rimedi naturali Registered Brand 302018000008020
x