Menu
Natural Home Remedies healthy recipesNatural Home Remedies healthy lifestyle
La dieta che tiene lontano l'Alzheimer

La dieta che tiene lontano l'Alzheimer

La salute del nostro cervello dipende anche da quello che portiamo in tavola. Infatti, sempre più evidenze scientifiche dimostrano che una dieta ricca di polifenoli è in grado di migliorare la funzionalità cognitiva e di prevenirne il declino. Una recentissima review ha raccolto i risultati di studi precedenti per permetterci di comprendere l'azione benefica sul cervello dei principali polifenoli e quali sono gli alimenti da non farsi mancare per tenere alla larga le neurodegenerazioni. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Nutrients da un team tutto italiano dell'Università di Catania (Caruso et al, Nutrients, 2022).

L'azione neuroprotettiva dei polifenoli

I polifenoli sono un vasto gruppo di sostanze dall'azione antiossidante all'interno del quale troviamo diverse sottofamiglie. Per esempio, ci sono i flavonoidi, come gli antociani dei frutti di bosco o gli isoflavoni della soia, molto studiati dalla scienza che ha avuto modo di dimostrare la loro azione neuropotettiva, anche a scopo preventivo. Esistono poi gli stilbeni, quali il resveratrolo dell'uva o l'oleuropeina dell'olio evo, o ancora la curcumina della curcuma, anche questi dalla nota azione neuroprotettiva. Esistono poi gli acidi fenolici, molto diffusi negli alimenti che comunemente vengono portati in tavola ma che, rispetto agli altri esponenti della famiglia dei polifenoli, sono stati meno studiati riguardo alla loro azione neuroprotettiva. La review si è focalizzata quindi anche sugli acidi fenolici, vediamo cosa è emerso.

Acido caffeico

L'acido caffeico è un acido fenolico che si trova nel caffè, nel tè, ma anche in alcuni frutti quali mirtilli, kiwi, prugne, ciliegie e mele. Studi hanno permesso di osservare che l'acido caffeico è neuroprotettivo grazie alla sua capacità di contrastare lo stress ossidativo e la neuroinfiammazione. Non solo, l'acido caffeico ha mostrato di migliorare la memoria e la funzionalità cognitiva, di contrastare l'accumulo di proteine beta amiloidi, che insieme all'infiammazione sono la caratteristica della malattia di Alzheimer, di supportare la plasticità cerebrale e aumentare la sintesi di proteine sinaptiche che, nei neuroni, sono implicate nel processo di scambio di neurotrasmettitori.

Acido clorogenico

Tra gli acidi fenolici, un'altra sostanza neuroprotettiva è l'acido clorogenico. Questa sostanza si trova in mele, carciofi, carote, melanzane, uva, kiwi, prugne, tè e caffè. L'acido clorogenico è antinfiammatorio e antiossidante ed è in grado di aumentare la sopravvivenza dei neuroni.

Acido ferulico

L'acido ferulico si trova nei cereali integrali e in alcuni frutti, come i mirtilli e le more. L'acido ferulico mostra una potente azione antinfiammatoria e antiossidante, che aiuta a proteggere dalle neurodegenerazioni. Non solo, l'acido ferulico aiuta a migliorare l'umore e contrastare la depressione, vista la sua azione sui livelli di serotonina.

Acido rosmarinico

Da non dimenticare l'acido rosmarinico, contenuto in diverse piante aromatiche quali rosmarino, maggiorana, salvia, timo, origano, basilico, menta, lavanda e melissa. L'azione neuroprotettiva dell'acido rosmarinico si fa risalire alla sua capacità di regolare l'attività del fattore di trascrizione Nrf2, attivandolo e proteggendolo dai danni dei radicali liberi. Infatti, un declino nei valori di Nrf2 è stato osservato in caso di malattia di Alzheimer conclamata.

Acido sinapico

Molto interessante è anche l'acido sinapico, che si trova nei frutti di bosco, ma anche nei cereali integrali e nei semi oleosi. Infatti, studi in laboratorio hanno permesso di osservare che l'acido sinapico ha protetto le cellule neuronali dalla morte in seguito all'esposizione ad accumuli di aggregati di proteine beta amiloidi, come accade nel corso della malattia di Alzheimer. Contemporaneamente è migliorata anche la memoria.

Conclusioni

Qui abbiamo riportato i principali acidi fenolici e la loro azione neuroprotettiva. Esistono però anche altri composti, capaci di contrastare la neurodegenerazione, come l'acido ellagico, che si trova nei frutti di bosco, frutta secca e melagrana, o ancora l'aldeide cinnamico, che si trova nella cannella. Pertanto, appare chiara l'importanza di una dieta sana e varia, che includa frutta, verdura, spezie ed erbe aromatiche, per contrastare le infiammazioni, lo stress ossidativo e per tenere alla larga le degenerazioni del cervello.
AUTORE
Unisce la sua passione per uno stile di vita naturale e la sua formazione universitaria, è infatti laureata in fisica e ha il dottorato di ricerca in fisica, settore biofisica. Leggere articoli scientifici, documentarsi sulle ultime ricerche e testare nuovi metodi e ricette è quindi da sempre il suo lavoro, che, speriamo, di aver reso utile.
Natural Remedies App Logo
Scarica ora l'App Rimedi Naturali, l'app di benessere e salute naturale, è gratis!

Potrebbero anche interessarti queste ricerche scientifiche

Glicemia e degenerazioni cellulari, può la dieta aiutare a ridurre il rischio di tumore al seno?
Glicemia e degenerazioni cellulari, può la dieta aiutare a ridurre il rischio di tumore al seno?
Nei nostri articoli parliamo spesso di quanto sia importante evitare i pericolosi picchi glicemici e tenere la glicemia sotto controllo. Infatti, quando la glicemia tende a rimanere elevata per lunghi periodi di tempo au
Frutti di bosco, ecco perché è importante includerli nella propria dieta
Frutti di bosco, ecco perché è importante includerli nella propria dieta
Fragole, mirtilli, lamponi, more e cranberry, freschi, surgelati, sotto forma di purè o succo, non importa. L’importante è includere nella propria dieta i frutti di bosco! Infatti, questi frutti così succosi e gustosi no
La dieta contro l'ipertensione
La dieta contro l'ipertensione
L'ipertensione si combatte a tavola. E non solo riducendo il sale, ma mettendo in campo diverse strategie alimentari che permettono di ridurre la pressione sanguigna e proteggere il cuore, il sistema cardiovascolare e i
Una dieta troppo ricca di sale riduce la neuroplasticità e favorisce il declino cognitivo
Una dieta troppo ricca di sale riduce la neuroplasticità e favorisce il declino cognitivo
Una dieta ricca di sale può aumentare il rischio di alzare la pressione sanguigna, con danni per il cuore. Ma non è solo questo, una dieta che contiene troppo sale può anche alterare la funzionalità cognitiva e compromet
Dieta o integratori per rinforzare il sistema immunitario contro le infezioni?
Dieta o integratori per rinforzare il sistema immunitario contro le infezioni?
Alcune sostanze, come le vitamine A, C e D, sali minerali come il selenio e lo zinco ma anche probiotici, beta carotene e acidi grassi omega 3 hanno mostrato di saper modulare il sistema immunitario. Questo significa che
La dieta mediterranea aiuta a ridurre i livelli di stress
La dieta mediterranea aiuta a ridurre i livelli di stress
Contro lo stress? Anche se a prima vista può sembrare strano, anche la dieta può aiutare. Ma non una dieta qualsiasi, bensì la Dieta Mediterranea, ricca di frutta, verdura, cereali integrali, legumi e olio evo, caratteri
La dieta per dormire bene
La dieta per dormire bene
Dormire bene non ci fa alzare solo più riposati ma anche più sani, più attivi e con memoria e sistema immunitario più forti. Ma la dieta può aiutare a migliorare la qualità del sonno? Sembra proprio di sì, grazie alla su
Come la dieta e il microbiota possono proteggere il cuore e i vasi sanguigni
Come la dieta e il microbiota possono proteggere il cuore e i vasi sanguigni
Il microbiota è l’insieme dei batteri che popolano il nostro intestino. Subito siamo portati a pensare che il ruolo del microbiota sia limitato alla digestione, ma in realtà sempre più studi scientifici stanno dimostrand
Rimedi naturali
Scarica l'App
Copyright © 2022 - Rimedi naturali Registered Brand 302018000008020
x