Menu
Natural Home Remedies healthy recipesNatural Home Remedies healthy lifestyle
La vitamina D protegge da complicanze causate da un infezione virale, anche nel caso del nuovo coronavirus, ulteriori conferme

La vitamina D protegge da complicanze causate da un infezione virale, anche nel caso del nuovo coronavirus, ulteriori conferme

Un aiuto in più contro il nuovo coronavirus? Senza dubbio, la vitamina D. Questa vitamina, infatti, non protegge solo ossa e muscoli, ma anche il nostro tratto respiratorio. Fino ad oggi il ruolo protettivo della vitamina D contro l'infezione da nuovo coronavirus era stato ipotizzato, anche se alcuni risultati non permettevano un completo accordo tra gli scienziati. Grazie a una recentissima ricerca, invece, è stato possibile comprendere le differenze tra studi scientifici e dimostrare la capacità della vitamina D di proteggere da un decorso severo in caso di infezione. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Scientific Reports da un team inglese (Li et al, Scientific Reports, 2021).

Vitamina D e infezioni

Studi precedenti avevano collegato una carenza da vitamina D con un aumentato rischio di contrarre infezioni virali e batteriche. Allo stesso modo, è stato anche possibile osservare una correlazione tra carenza di vitamina D e un rischio di infezione da nuovo coronavirus. Tuttavia, una delle critiche mosse a queste conclusioni è che questi effetti potevano essere attribuiti, più che alla carenza di vitamina D, ad altre condizioni come obesità, anzianità e malattie croniche, associate a bassi livelli di vitamina D. Un modo per superare questa ambiguità nella lettura dei dati è dato da un calcolo a livello genetico dei livelli di vitamina D che si dovrebbero avere in un dato individuo indipendentemente da altri fattori come salute e stile di vita. Si tratta, insomma, di calcolare la componente genetica della vitamina D. Tuttavia, questi tentativi fino ad ora non sono mai andati a buon fine. Il motivo, come spiegato dai ricercatori dello studio di cui parliamo oggi, è che la componente ereditaria che si evince dai geni in realtà influenza solo in minima parte i livelli di vitamina D, e in ogni caso unicamente in inverno. Invece, nelle altre stagioni i livelli di vitamina D sono determinati prevalentemente dall'esposizione del corpo alla luce del sole. Era questo l'aspetto che fino ad ora non è mai stato preso in considerazione.

Vitamina D, raggi solari e nuovo coronavirus

Quindi, per colmare questa lacuna, i ricercatori hanno calcolato per quasi 500 000 persone residenti nel Regno Unito i livelli di raggi solari UVB, la chiave per produrre la vitamina D attraverso la nostra pelle, nella zona di residenza prima dello scoppio della pandemia. Questo dato è poi stato messo in associazione con lo stato di salute e a un'eventuale infezione da nuovo coronavirus dei partecipanti allo studio. Quello che è emerso è che maggiore era la quantità di raggi UVB presenti nell'area di residenza prima dello scoppio della pandemia, minore era il rischio di ospedalizzazione e morte in seguito a infezione da nuovo coronavirus. Quindi, questo dimostra che la vitamina D protegge da possibili complicanze e decorso severo in caso di infezione da nuovo coronavirus.

L'importante è evitare una carenza della vitamina D

Pertanto, come concludono gli stessi ricercatori, vale sicuramente la pena, soprattutto in vista dei mesi invernali che stanno per arrivare, ricorrere a integratori di vitamina D, includere nella propria dieta alimenti che contengono vitamina D, come funghi, formaggi o pesce, o prendere il sole quando ci è possibile, sempre con le dovute precauzioni. Queste azioni non portano solo giovamento alla salute delle ossa ma permettono anche al nostro sistema immunitario di lavorare nelle migliori condizioni per fronteggiare qualsiasi minaccia esterna. Senza togliere chiaramente le normali misure di igiene, mascherine e distanziamento.
AUTORE
Unisce la sua passione per uno stile di vita naturale e la sua formazione universitaria, è infatti laureata in fisica e ha il dottorato di ricerca in fisica, settore biofisica. Leggere articoli scientifici, documentarsi sulle ultime ricerche e testare nuovi metodi e ricette è quindi da sempre il suo lavoro, che, speriamo, di aver reso utile.
Natural Remedies App Logo
Scarica ora l'App Rimedi Naturali, l'app di benessere e salute naturale, è gratis!

Potrebbero anche interessarti queste ricerche scientifiche

Contro la perdita dei capelli un aiuto da vitamina E e menta piperita
Contro la perdita dei capelli un aiuto da vitamina E e menta piperita
I capelli che si assottigliano e cadono sono un problema molto comune. La natura può rivelarsi una preziosa alleata per stimolare la crescita dei capelli. Da oggi sappiamo che la vitamina E e il mentolo sono in grado di
Il tulsi protegge i neuroni dalle degenerazioni e dall'Alzheimer
Il tulsi protegge i neuroni dalle degenerazioni e dall'Alzheimer
Il tulsi è la pianta sacra della tradizione indiana. Basti pensare che il dio Visnù, una delle principali divinità dell'induismo e parte della trimurti, viene raffigurato con una collana di foglie e legno di tulsi. E vis
Il carcadè protegge i reni, anche in presenza di sindrome metabolica
Il carcadè protegge i reni, anche in presenza di sindrome metabolica
Come proteggere i reni dai danni dei radicali liberi? Infatti, sovrappeso, ipertensione, resistenza all'insulina e diabete, tutte condizioni purtroppo in continua crescita nella nostra società, possono alterare la funzio
Vitamina D e il suo ruolo benefico su memoria e funzioni cognitive
Vitamina D e il suo ruolo benefico su memoria e funzioni cognitive
La vitamina D sta assumendo sempre più un ruolo di centrale importanza quando si parla di salute, sia del corpo che del cervello. Questo è dimostrato da studi, anche molto recenti, che indicano nei livelli adeguati di qu
Quale dieta protegge la pelle dal rischio di degenerazioni cellulari?
Quale dieta protegge la pelle dal rischio di degenerazioni cellulari?
Le degenerazioni cellulari che riguardano la pelle, come il melanoma, sono da sempre collegate al tipo di pelle, a cause genetiche e a fattori ambientali come l'esposizione senza protezione ai raggi UV. Fino ad oggi, non
La vitamina C conserva la massa muscolare
La vitamina C conserva la massa muscolare
Con il passare degli anni tendiamo a perdere massa muscolare. E questo è un problema in quanto questa condizione può portare a sarcopenia, e cioè la perdita della massa, della forza e della funzionalità muscolare, ma può
Coronavirus, il possibile ruolo protettivo della vitamina D
Coronavirus, il possibile ruolo protettivo della vitamina D
È di pochi giorni fa un comunicato stampa di due medici, Prof. Giancarlo Isaia, Docente di Geriatria e Presidente dell’Accademia di Medicina di Torino, e Prof. Enzo Medico, Professore Ordinario di Istologia all’Universit
Coronavirus, è provato, la vitamina D rende il virus meno aggressivo
Coronavirus, è provato, la vitamina D rende il virus meno aggressivo
Qualche settimana fa era stata avanzata l’ipotesi da parte di due medici torinesi che la carenza di vitamina D potesse causare un decorso più complicato nell’infezione da COVID-19. Ora, un articolo in fase preprint, cioè
Rimedi naturali
Scarica l'App
Copyright © 2022 - Rimedi naturali Registered Brand 302018000008020
x