Menu
Natural Home Remedies healthy recipesNatural Home Remedies healthy lifestyle
Sanificare gli ambienti, ozono, sapone o alcool?

Sanificare gli ambienti, ozono, sapone o alcool?

La pandemia da coronavirus ha reso necessarie delle misure di igiene molto stringenti, sia per le persone che per gli ambienti. Oggi parliamo di come sanificare gli spazi chiusi, le superfici e i tessuti, quando questo è necessario e cosa utilizzare.

Perché sanificare le superfici

Il nuovo coronavirus si trasmette attraverso goccioline infette emesse quando la persona malata respira, tossisce o starnutisce. Queste goccioline possono raggiungere direttamente il volto di un’altra persona, infettandola. Oppure possono depositarsi su superfici come tavoli, soldi, pacchi ma anche maniglie delle porte, telefoni, rubinetti, lavandini come anche la superficie esterna delle stesse mascherine. Sulle superfici, fuori dal corpo, il virus può sopravvivere anche per qualche giorno, questo dipende dal tipo di materiale. Toccando le superfici infette le mani possono contaminarsi e, se non si rispettano le norme igieniche che prevedono di lavarsi spesso le mani con acqua e sapone, usare un disinfettante per mani che contenga alcool almeno al 60% e non toccarsi il viso con le mani sporche, è possibile contagiarsi. Ecco perché è importante sanificare le superfici, sia quelle di uffici, negozi che quelle di casa. Generalmente la pulizia delle superfici si può fare con acqua e sapone. Alcune superfici come maniglie, interruttori, telefoni, rubinetti, lavandini, maniglie della pompa di benzina, servizi igienici, mouse, postazioni di lavoro e schermi tattili richiedono invece una pulizia più accurata e una disinfezione in quanto sono più manipolati.

Come disinfettare le superfici più a rischio

Per prima cosa occorre pulire con acqua e sapone. Poi vanno utilizzati dei prodotti dall’azione virucida. I materiali duri come vetro, metallo o plastica sono più semplici da disinfettare usando prodotti che contengano alcool al 70%, o candeggina allo 0,1%, si sconsiglia però di mescolare tra loro i prodotti disinfettanti. Invece i materiali porosi e morbidi come moquette, tappeti o rivestimenti di divani sono più difficili da sanificare. Il consiglio, almeno in questo periodo, è di rimuovere dove possibile questi materiali. Altrimenti possono essere coperti con teli, questo vale più che altro per uffici o negozi. In alternativa, se parliamo di arredamento che si trova in casa, che entra frequentemente in contatto con persone che arrivano dall’esterno e che non è possibile togliere, questo può essere lavato seguendo le indicazioni riportate dal fabbricante usando la temperatura dell’acqua più calda possibile.

Sanificazione con ozono, è possibile?

La sanificazione con ozono ha mostrato proprietà virucide, a patto che venga eseguita in condizioni di alta umidità relativa (Dibuis et al, PLoS One, 2020). Tuttavia, non è stata testata contro il nuovo coronavirus e quindi, allo stato attuale, non può essere considerata un’azione disinfettante volta a combattere questo virus, come sottolineato anche da una circolare del Ministero della Salute. In ogni caso, quando eseguita da esperti, la sanificazione con ozono può sicuramente costituire una procedura complementare ad altre procedure che usano invece alcool o candeggina per rendere comunque più completa la sanificazione dell’ambiente, intesa come procedura che rende l’ambiente più sano.
AUTORE
Unisce la sua passione per uno stile di vita naturale e la sua formazione universitaria, è infatti laureata in fisica e ha il dottorato di ricerca in fisica, settore biofisica. Leggere articoli scientifici, documentarsi sulle ultime ricerche e testare nuovi metodi e ricette è quindi da sempre il suo lavoro, che, speriamo, di aver reso utile.
Natural Remedies App Logo
Scarica ora l'App Rimedi Naturali, l'app di benessere e salute naturale, è gratis!

Potrebbero anche interessarti queste ricerche scientifiche

Per vivere a lungo è meglio… è bene tenere sotto controllo i valori di ferro
Per vivere a lungo è meglio… è bene tenere sotto controllo i valori di ferro
Un altro tassello si va ad aggiungere all’affascinante puzzle che unisce dieta, stile di vita e longevità. Ebbene, gli scienziati dell’Università di Edimburgo e del Max Planck Institute for Biology of Ageing, in Germania
Leggere ad alta voce e risolvere semplici calcoli matematici proteggono memoria e attenzione dai danni dell’età
Leggere ad alta voce e risolvere semplici calcoli matematici proteggono memoria e attenzione dai danni dell’età
Pensiamo a un’azione che compiamo tutti i giorni, come cucinare. Per farlo mettiamo in atto una serie di funzioni, come quelle esecutive quando scegliamo il menu, mnemoniche quando pensiamo agli ingredienti che abbiamo i
La forza dei colori contro ansia e stress
La forza dei colori contro ansia e stress
Se vogliamo contrastare ansia, paure e stress circondiamoci di oggetti di colore… verde! Non solo, anche colori come rosa, azzurro e giallo hanno mostrato di agire rilassando e calmando. Tutto merito di come la vista int
La vitamina D protegge da complicanze causate da un infezione virale, anche nel caso del nuovo coronavirus, ulteriori conferme
La vitamina D protegge da complicanze causate da un infezione virale, anche nel caso del nuovo coronavirus, ulteriori conferme
Un aiuto in più contro il nuovo coronavirus? Senza dubbio, la vitamina D. Questa vitamina, infatti, non protegge solo ossa e muscoli, ma anche il nostro tratto respiratorio. Fino ad oggi il ruolo protettivo della vitamin
Non solo musica classica, anche il flauto rinforza il sistema immunitario e potenzia il cervello
Non solo musica classica, anche il flauto rinforza il sistema immunitario e potenzia il cervello
La musica ha un effetto sul cervello e sul sistema immunitario, calma, rilassa, migliora la neuroplasticità e le funzionalità cognitive e riduce le infiammazioni. Ma non tutti i tipi di musica sono ugualmente benefici. M
La musica e i suoi benefici sul cervello
La musica e i suoi benefici sul cervello
Per primi furono due fisici, Gordon Shaw e Frances Rausher, a capire che la musica poteva avere degli effetti benefici sul cervello e le facoltà cognitive. Il loro studio fu pubblicato sulla prestigiosa rivista Nature ne
La fase REM del sonno regola l’appetito e il comportamento alimentare
La fase REM del sonno regola l’appetito e il comportamento alimentare
Per la salute e il benessere la quantità del sonno è essenziale, ma un ruolo molto importante viene giocato anche dalla qualità del sonno, soprattutto per quanto riguarda i meccanismi che regolano l’appetito e il comport
Dormire troppo poco e dormire troppo, in entrambi i casi un rischio per il cervello
Dormire troppo poco e dormire troppo, in entrambi i casi un rischio per il cervello
Dormire ci rigenera e protegge il cervello. Tuttavia, come in ogni cosa, la chiave è la moderazione. Infatti, dormire troppo poco e dormire troppo sono entrambi fattori che aprono la strada, negli anziani, a un rischio a
Rimedi naturali
Scarica l'App
Copyright © 2022 - Rimedi naturali Registered Brand 302018000008020
x