Close
Home Chi siamo App Rimedi Naturali Shop Il nostro libro Vita sana
Natural Remedies Logo Rimedi Naturali Rimedi Naturali

Un bicchiere di succo di arancia è un aiuto in più contro il nuovo coronavirus

novembre 14, 2020
Share on Facebook Share on Twitter Share on Whatsapp Share on Pinterest Email
Un bicchiere di succo di arancia è un aiuto in più contro il nuovo coronavirus

La prevenzione contro il nuovo coronavirus si può fare in diversi modi. Per prima cosa è importante osservare le misure igieniche e il distanziamento. Poi, come seconda linea di difesa, possiamo schierare in campo l’alimentazione. Sempre più ricerche si stanno focalizzando sul ruolo di alcuni nutrienti nella lotta all’infezione virale da COVID-19, oggi sappiamo che un ruolo preventivo e di supporto al sistema immunitario è giocato da vitamina D, C, zinco, selenio ma anche quercetina. Grazie all’articolo di oggi possiamo aggiungere un’altra sostanza benefica, l’esperidina degli agrumi. La review è stata pubblicata sulla rivista Antioxidants da parte di un team dell’Università di Verona Medical school (Bellavite et al, Antioxidants, 2020).

L’esperidina è una sostanza antimicrobica, antiossidante, antitumorale, ipotensiva e immunostimolante appartenente alla classe dei polifenoli. L’esperidina è contenuta negli agrumi, quindi arance, arance rosse, mandarini, limoni e clementine, nel succo ma soprattutto nella buccia e nella parte bianca, l’albedo. I succhi commerciali, rispetto ai succhi casalinghi, contengono un po’ più esperidina dal momento che nel processo di produzione viene usato tutto il frutto.

Ebbene, in base a studi eseguiti attraverso simulazioni al computer, quello che è emerso è che l’esperidina mostra una grande affinità alle proteine che si trovano sulla superficie del nuovo coronavirus. Questo significa che è probabile che l’esperidina si leghi a queste proteine, inattivandole e ostacolando l’ingresso del virus nelle cellule, lo sviluppo del virus e la sua replicazione.

Non solo, l’esperidina combatte anche lo stress ossidativo delle cellule. Si ritiene che uno dei motivi per cui il virus è più forte nelle persone anziane è proprio il fatto che nei bambini i processi antiossidanti sono molto più sviluppati mentre, man mano che l’età avanza, i radicali liberi hanno il sopravvento indebolendo il corpo e la risposta immunitaria.

Quando si mangiano gli agrumi, non bisogna poi dimenticare le proprietà antiossidanti della vitamina C, un’altra sostanza contenuta in questi frutti. Studi hanno anche osservato che la vitamina C può prevenire il raffreddore comune in persone sottoposte a periodi di stress.

Non solo, in caso di infezione da influenza la vitamina C stimola una risposta anti virale e riduce lo stato infiammatorio dei polmoni.

Pertanto, esperidina e vitamina C hanno mostrato di essere benefiche per attivare la risposta antivirale e bloccare l’infezione. Il consiglio degli autori dello studio è integrare, sempre senza mai esagerare, in una dieta sana e varia spremute di agrumi, possibilmente biologici in modo da poter consumare anche la buccia. Per esempio, puoi aggiungere qualche strisciolina di buccia di mandarino allo yogurt o all’insalata, o ancora grattugiare la buccia degli agrumi sulle macedonie.

Share on Facebook Share on Twitter Share on Whatsapp Share on Pinterest Email
Natural Remedies
Scarica ora l'App Rimedi Naturali, l'app di benessere e salute naturale, è gratis!
App Rimedi Naturali: benessere, bellezza e salute
Lifestyle, dieta sana, cosmesi naturale
Remedies App Logo