Menu
Natural Home Remedies healthy recipesNatural Home Remedies healthy lifestyle
Cavolfiore

Cavolfiore

Vitamine e sali minerali, sostanze antinfiammatorie utili per contrastare colite e malattie da raffreddamento, antiossidanti contro i radicali liberi, azione anticancro, controllo della pressione e della glicemia, alto potere saziante e basso contenuto calorico sono caratteristiche che fanno del cavolfiore un valido elemento da introdurre nelle diete di chi è in sovrappeso
Il cavolfiore è un ortaggio invernale della famiglia delle Brassicaceae o Crucifere. È ricco di fibre e, grazie al suo alto potere saziante unito al basso apporto calorico, si presta bene a essere introdotto nella dieta di chi è in sovrappeso. Non solo, il cavolfiore contiene sali minerali quali potassio, di aiuto a regolare la pressione arteriosa, calcio, magnesio, zinco, manganese, selenio, fosforo, ma anche vitamine, A, gruppo B, C, E, K, J, antiossidanti quali luteina e zeaxantina e acido folico. Ha proprietà depurative, remineralizzanti e di rinforzo del sistema immunitario, in più, le proprietà antinfiammatorie del cavolfiore fanno di questa crucifera un alleato per contrastare la colite. Per chi soffre di diabete il cavolfiore può essere una scelta molto interessante in quanto questo ortaggio contribuisce a tenere sotto controllo il livello degli zuccheri nel sangue. Il cavolfiore ha anche un’azione anticancro soprattutto per quanto riguarda colon e prostata. A questo proposito infatti, secondo una ricerca condotta dal National Cancer Institute di Bethesda, nel Maryland, e pubblicata sul Journal of the National Cancer Institute, chi mangia broccoli, cavolfiori e cavoli ha molto meno rischi di ammalarsi di tumore alla prostata rispetto a chi non ne mangia grazie all’azione degli antiossidanti contenuti in questi vegetali. Il sulforafano, sostanza presente nei cavolfiori, ha un ruolo nella protezione della pelle dai danni dei raggi solari. Il cavolfiore può essere consumato crudo, tagliato in cimette da aggiungere alle insalate in modo da preservare al meglio le sue proprietà, oppure cotto. In questo caso la cottura al vapore è la migliore per preservare le sue proprietà e un’altra considerazione è che, per godere appieno dei benefici, Il cavolfiore andrebbe mangiato almeno 2-3 volte a settimana. Infine, data l’alta concentrazione di sostanze antinfiammatorie è possibile utilizzare il cavolfiore per contrastare i primi sintomi del raffreddore e dell’influenza: centrifuga una parte di cavolfiore, mescola 3 cucchiai di cavolfiore centrifugato a miele e acqua e bevi. Presta attenzione se soffri di ipotiroidismo, non esagerare con il consumo di cavolfiore in quanto questo potrebbe influire sulla tiroide. In generale è comunque consigliabile non consumare questo ortaggio in quantità eccessive, come del resto ogni alimento, in quanto contiene sostanze che contrastano l’assorbimento dello iodio.
AUTORE
Unisce la sua passione per uno stile di vita naturale e la sua formazione universitaria, è infatti laureata in fisica e ha il dottorato di ricerca in fisica, settore biofisica. Leggere articoli scientifici, documentarsi sulle ultime ricerche e testare nuovi metodi e ricette è quindi da sempre il suo lavoro, che, speriamo, di aver reso utile.
Natural Remedies App Logo
Scarica ora l'App Rimedi Naturali, l'app di benessere e salute naturale, è gratis!

Potrebbero anche interessarti questi rimedi naturali

Crespino
Crespino
Se soffri di calcoli, renella o anche acidi urici e stasi linfatica allora il crespino, berberis vulgaris, può fare al caso tuo. Assumi l’estratto fluido in questa modalità: 20 gocce 3 volte al giorno in un bicchiere d’a
Acetosa
Acetosa
L’acetosa, o acetosella, è un’erba con proprietà antinfiammatorie, febbrifughe, lassative, digestive, stimolanti dell’appetito, depurative, diuretiche ma anche toniche e vermifughe. Pertanto trova applicazione per tratta
Cosmetici naturali, come re e regine Parte 21, le lacrime di Ra e la potenza della pappa reale
Cosmetici naturali, come re e regine Parte 21, le lacrime di Ra e la potenza della pappa reale
Vuole un’antica leggenda egizia che quando il dio Ra, il dio del sole, pianse, le sue lacrime si trasformarono in api. E le api costruirono gli alveari e andarono di fiore in fiore. Fu così che il miele nacque dalle lacr
Desmodio
Desmodio
Il desmodio, nome scientifico Desmodium adscendens, è una pianta appartenente alla famiglia delle Fabaceae utilizzata per proteggere fegato e reni e per combattere l’asma. Il desmodio è un rimedio naturale della tradizio
Lecitina
Lecitina
La parola lecitina viene dal greco lekithos e significa tuorlo d’uovo, a indicare che questa sostanza fu isolata per la prima volta dal chimico e farmacista francese Maurice Gobley proprio dal tuorlo d’uovo. La lecitina
Natural beauty, yogurt e latte per una pelle luminosa e morbida
Natural beauty, yogurt e latte per una pelle luminosa e morbida
Impariamo a coccolare la nostra pelle! Spesso i nostri cosmetici hanno davvero troppi ingredienti, non tutti benefici, anzi, a volte sono loro stessi la causa di tante problematiche di cui ci lamentiamo come acne, punti
Artemisia
Artemisia
L’artemisia ha proprietà calmanti, digestive, espettoranti, antisettiche e trova applicazione nella cura della tosse. L’artemisia è in grado di rilassare il sistema nervoso stressato, ha proprietà antispasmodiche e viene
Pastinaca
Pastinaca
La pastinaca, nome scientifico Pastinaca sativa, è una pianta della famiglia delle Apiaceae. La sua radice, bianca e dalla forma che richiama le carote, viene consumata come ortaggio. La pastinaca apporta vitamine, del g
Rimedi naturali
Scarica l'App
Copyright © 2022 - Rimedi naturali Registered Brand 302018000008020
x