Close
Home Chi siamo App Rimedi Naturali Shop Il nostro libro Vita sana
Natural Remedies Logo Rimedi Naturali Rimedi Naturali

Combinazioni alimentari e metodi di cottura, i funghi

giugno 12, 2019
Share on Facebook Share on Twitter Share on Whatsapp Share on Pinterest Email
Combinazioni alimentari e metodi di cottura, i funghi

Vitamine e sali minerali, proprietà antitumorali, di supporto a fegato e sistema immunitario, contrastano colesterolo e glicemia elevati, utili nelle diete dimagranti e in caso di stitichezza ed anemia, vediamo le migliori combinazioni alimentari e i metodi di cottura che massimizzano le proprietà dei funghi

In giugno i funghi iniziano a fare la loro comparsa nei boschi. I funghi, pur essendo dei vegetali, non sono costituiti da cellulosa, come insalate, verdure e frutta, ma da sostanze azotate, carboidrati, pochi grassi ma soprattutto proteine. Ed è proprio per questa caratteristica che i funghi sono chiamati la carne vegetale. Ma i funghi sono anche una preziosa fonte di sali minerali quali ferro, zinco, magnesio e selenio che conferiscono a questi gustosi prodotti della terra proprietà antitumorali e antiossidanti. Contengono poi vitamine, come la D, gruppo B, C ed E, sostengono il sistema immunitario, il lavoro del fegato e aiutano a combattere glicemia e colesterolo elevati (Valverde et al, Int J Microbiol, Jan 2015).

Pertanto i funghi sono utili in caso di obesità, colesterolo e glicemia elevati ma, data la loro azione lassativa, anche in caso di stipsi. Ma vediamo meglio in dettaglio le proprietà dei funghi in base ai diversi metodi di cottura e agli abbinamenti con altri alimenti.

Funghi, preparazione e cottura

I funghi possono essere consumati crudi o cotti. I funghi crudi svolgono un’azione lassativa, risultano più digeribili dei funghi cotti e preservano al massimo il loro contenuto in antiossidanti e vitamine (Ng et al, J Food Sci Technol, Nov 2017). Tuttavia, per poterli consumare crudi, la loro origine deve essere certa e sicura per evitare di ingerire sostanze tossiche che altrimenti una buona cottura eliminerebbe. In genere, per questo tipo di preparazione, si usano i funghi champignon. Questi vanno puliti con uno strofinaccio umido e affettati sottilmente, si condiscono poi con olio evo e poco sale, succo di limone e prezzemolo. Con la cottura dei funghi si riduce la presenza di vitamina C e di polifenoli dall’azione antiossidante (Ng et al, J Food Sci Technol, Nov 2017). Tuttavia, i funghi arrosto o trifolati stimolano maggiormente il fegato. Rispetto ai funghi trifolati i funghi arrosto o al forno vengono cotti in pezzi grossi, pertanto espongono meno superficie al calore e preserveranno meglio i nutrienti (Aufiero, Il ruolo nutrizionale e terapeutico degli alimenti). Per i funghi arrosto si usano funghi di grandi dimensioni come i pleurotus, questi vanno tagliati a pezzi grossi, infornati a 150 gradi per 30 minuti e infine conditi con olio evo e prezzemolo. I funghi trifolati invece, dopo essere stati puliti con un panno, vanno tagliati a fette sottili. In una padella si versa olio evo e si scalda insieme a uno spicchio di aglio, quando l’olio sarà caldo si aggiungono i funghi.

Funghi, combinazioni alimentari

I funghi possono essere associati senza problemi ad alcune verdure cotte come cicoria o puntarelle e a quasi tutte le verdure crude, ad eccezione degli spinaci crudi per evitare un sovraccarico di sostanze come le purine, che potrebbero causare calcoli nei soggetti predisposti. I funghi e il pesce rappresentano un’ottima combinazione alimentare, soprattutto in caso di sovrappeso e obesità, in quanto questo abbinamento, sia grazie allo iodio del pesce che grazie all’azione di stimolo sul fegato dei funghi, è in grado di stimolare il metabolismo (Aufiero, Il ruolo nutrizionale e terapeutico degli alimenti). Sempre nelle diete dimagranti ma anche in caso di stipsi o per la salute generale del corpo sfruttando l’azione antitumorale dei funghi, ottima è anche la combinazione di funghi, per esempio trifolati, aggiunti alla pasta. Stesso discorso per l’associazione di funghi e polenta o funghi e riso. Molto interessante è anche l’associazione tra funghi e uovo, soprattutto in caso di anemia e debilitazione, grazie al fatto che sia i funghi che l’uovo contengono ferro.

Pertanto, puoi provare a proporre un’omelette con funghi che in più ha anche il vantaggio di sollecitare il fegato e risulta utile in caso di obesità e diabete sia tipo 1 che 2 (Aufiero, Il ruolo nutrizionale e terapeutico degli alimenti).

Funghi, controindicazioni

I funghi sono ricchi di purine e pertanto sono controindicati in caso gotta, calcoli ed iperuricemia. Ma i funghi contengono anche adenosina, una sostanza che impedisce l’aggregazione delle piastrine.

Pertanto, i funghi, mentre sono indicati nelle patologie cardiovascolari con aumento della viscosità del sangue, sono invece controindicati in caso di problemi di coagulazione.

Attenzione anche in caso di problemi digestivi, i funghi potrebbero risultare difficili da digerire. I funghi andrebbero limitati anche in gravidanza, sia perché impegnativi per fegato e reni sia per il loro potere fluidificante del sangue.

Share on Facebook Share on Twitter Share on Whatsapp Share on Pinterest Email
Natural Remedies
Scarica ora l'App Rimedi Naturali, l'app di benessere e salute naturale, è gratis!
App Rimedi Naturali: benessere, bellezza e salute
Lifestyle, dieta sana, cosmesi naturale
Remedies App Logo