Menu
Natural Home Remedies healthy recipesNatural Home Remedies healthy lifestyle
Combinazioni alimentari Parte 5, i modi migliori per mangiare i carciofi

Combinazioni alimentari Parte 5, i modi migliori per mangiare i carciofi

Carciofi crudi, cotti in olio o bolliti, abbinati a zenzero o aglio, a ogni preparazione le sue proprietà per aiutare in caso di fegato affaticato, cattiva digestione, insonnia, ansia o anemia
Il carciofo che si porta in tavola è il fiore non ancora aperto della pianta Cynara scolymus. Il carciofo è ricco di ferro, potassio, magnesio, cinarina, un alcaloide capace di proteggere il fegato e abbassare il colesterolo, inulina, un prebiotico che protegge e stimola la flora batterica intestinale, antiossidanti tra cui i tannini (Rondanelli et al, Monladi Arch Chest Dis, Mar 2013 – Lopez-Molina et al, Phytochemistry, Jun 2005). Tuttavia le proprietà del carciofo variano in base alla preparazione e agli alimenti che gli vengono abbinati. Vediamo i diversi metodi di cottura e le combinazioni alimentari per massimizzare le diverse proprietà del carciofo.

Carciofo crudo

Il carciofo crudo è un ottimo piatto per chi deve tenere sotto controllo il colesterolo, per chi presenta insonnia e ansia e va bene anche per chi soffre di diabete o ha problemi digestivi. Infatti, il carciofo crudo preserva la cinarina ed è capace di agire sul colesterolo con diversi meccanismi, diminuisce la produzione di colesterolo endogeno e dei trigliceridi, accelera la conversione di colesterolo in acidi biliari e, aumentando la produzione di bile, stimola l’escrezione del colesterolo. L’inulina, che è uno zucchero, in questa forma non è assimilabile dall’organismo e quindi il carciofo crudo si presta ad essere consumato da persone in sovrappeso o che soffrono di diabete. Tuttavia, dal momento che l’inulina aiuta ad assimilare il ferro del carciofo, una diminuzione del suo assorbimento porta anche ad una diminuzione dell’assorbimento del ferro. Il carciofo crudo è invece un’ottima fonte di tannini dall’azione antitumorale e anche sedativa e può essere consumato anche alla sera per calmare ansia e irritabilità (Fausto Aufiero, il ruolo nutrizionale e terapeutico degli alimenti). Per quanto riguarda la preparazione, dopo aver tolto le foglie esterne più dure taglia Il carciofo a fettine molto sottili, condisci con olio, poco sale marino integrale e succo di limone. E per migliorare la digestione puoi aggiungere un po’ di zenzero grattugiato che, insieme, al carciofo, si dimostra un abbinamento sicuro ed efficace per contrastare scarso appetito, gonfiore addominale, dolore addominale e nausea (Giacosa et al, Evid Based Complement Alternat Med, Apr 2015).

Carciofo cotto in olio

I carciofi tagliati a fettine e cotti in padella con un filo d’olio evo, o fritti alla Giudia o fritti in pastella sono ricette che apportano ferro, dal momento che il calore rende assimilabile l’inulina, risultando utili quindi in caso di anemia o carenza di questo minerale, e hanno anche una profonda azione stimolante sul fegato. Tuttavia presta attenzione se soffri di glicemia alta, diabete o se segui una dieta contro il sovrappeso, in questo caso devi considerare l’aumentato apporto di zuccheri. I carciofi cotti in olio, dal momento che stimolano il fegato, aiutano anche a ridurre il gonfiore addominale e contrastano eventuali problemi digestivi. Se al carciofo cotto in padella con olio aggiungi anche un trito di aglio puoi massimizzare l’azione calmante e antidepressiva. Infine, questo tipo di preparazione va bene in caso di stipsi data l’azione lassativa e aiuta a tenere sotto controllo il colesterolo dal momento che preserva la cinarina (Fausto Aufiero, il ruolo nutrizionale e terapeutico degli alimenti).

Carciofo bollito

Il carciofo bollito perde la cinarina, con il suo effetto ipocolesterolemizzante, mentre aumenta la disponibilità dell’inulina, protettiva sulla flora batterica. Viene aumentata anche l’azione antiossidante che con la bollitura viene amplificata di circa 8 volte (Ferracane et al, J Agric Food Chem, Sep 2008). Attenzione se soffri di diabete ma anche di meteorismo in quanto questa preparazione potrebbe peggiorare queste condizioni.
AUTORE
Unisce la sua passione per uno stile di vita naturale e la sua formazione universitaria, è infatti laureata in fisica e ha il dottorato di ricerca in fisica, settore biofisica. Leggere articoli scientifici, documentarsi sulle ultime ricerche e testare nuovi metodi e ricette è quindi da sempre il suo lavoro, che, speriamo, di aver reso utile.
Natural Remedies App Logo
Scarica ora l'App Rimedi Naturali, l'app di benessere e salute naturale, è gratis!

Combinazioni alimentari Parte 5

Cosmetici naturali, come re e regine Parte 34, il Taj Mahal e le tradizioni di bellezza delle donne indiane
Cosmetici naturali, come re e regine Parte 34, il Taj Mahal e le tradizioni di bellezza delle donne indiane
Per la sua costruzione l’imperatore Shah Jahan non badò a spese in quanto era il simbolo sulla terra del suo amore per l’adorata moglie Arjumand Banu Begum. Stiamo parlando del meraviglioso Taj Mahal, descritto come una
INCI dei cosmetici, sai cosa ti spalmi Parte 18, Oxybenzone
INCI dei cosmetici, sai cosa ti spalmi Parte 18, Oxybenzone
Tu sai cosa ti spalmi su viso e corpo? Dal momento che capire i termini che vengono elencati nell’INCI, l’etichetta che, per legge, deve riportare tutti gli ingredienti usati in un prodotto cosmetico, è davvero difficile
Combinazioni alimentari e metodi di cottura, le melanzane
Combinazioni alimentari e metodi di cottura, le melanzane
La melanzana appartiene alla famiglia delle Solanaceae. Il suo frutto è una bacca dalla buccia violacea e dalla forma tonda o allungata in base al tipo di pianta. Il frutto della melanzana stimola il fegato e la tiroide,
Rigenera il cervello Parte 1, il ruolo dell’esercizio fisico
Rigenera il cervello Parte 1, il ruolo dell’esercizio fisico
Per molto tempo la convinzione era che il cervello non potesse rigenerarsi e che i neuroni, una volta persi, fossero irrecuperabili durante il naturale e normale processo di invecchiamento. Ma gli scienziati hanno dovuto
Cosmetici naturali, come re e regine Parte 2, maschera viso di Sissi
Cosmetici naturali, come re e regine Parte 2, maschera viso di Sissi
Spesso stressiamo la nostra pelle con prodotti cosmetici troppo aggressivi e che contengono davvero più ingredienti del necessario, a volte anche irritanti e comedogenici, come abbiamo spiegato nei post dedicati ad appro
Cosmetici naturali, come re e regine Parte 24, i fiori di Afrodite
Cosmetici naturali, come re e regine Parte 24, i fiori di Afrodite
Narra il mito che Afrodite nacque dalla spuma del mare. La dea dell’amore e della bellezza emerse su una conchiglia di madreperla tra le onde e venne portata dal venticello di primavera, Zefiro, sulle rive dell’isola di
Cosmetici naturali, come re e regine Parte 62, una miniera rosa
Cosmetici naturali, come re e regine Parte 62, una miniera rosa
Possiamo solo provare a immaginare lo stupore del grande condottiero Alessandro Magno quando per primo entrò nella miniera di Kehwra, in Punjab, Pakistan. Forse si aspettava di trovare solo stalattiti e stalagmiti, come
INCI dei cosmetici, sai cosa ti spalmi Parte 10, il tocoferolo
INCI dei cosmetici, sai cosa ti spalmi Parte 10, il tocoferolo
Perché è importante sapere cosa ci spalmiamo su viso e corpo sotto forma di creme, sieri o lozioni? Perché la nostra pelle può reagire a qualche sostanza contenuta nei cosmetici e diventare più oleosa, irritata, ma anche
Rimedi naturali
Scarica l'App
Copyright © 2022 - Rimedi naturali Registered Brand 302018000008020
x