Menu
Natural Home Remedies healthy recipesNatural Home Remedies healthy lifestyle
Coriandolo, tutti i segreti di questa preziosa spezia

Coriandolo, tutti i segreti di questa preziosa spezia

Antiossidante, antinfiammatorio, digestivo e carminativo, contrasta obesità e sindrome metabolica, aiuta in caso di mal di pancia e mal di stomaco, rinforza il sistema immunitario e il microbiota, neuroprotettivo e utile per la salute del cuore, protegge la pelle dall'invecchiamento precoce
Il coriandolo, coriandrum sativum, è una pianta erbacea della famiglia delle Apiaceae, la stessa di cumino, aneto, finocchio e prezzemolo. Il coriandolo è conosciuto da millenni e tracce di questa pianta sono state trovate persino nella tomba del faraone Tutankhamon. Ma quali sono le proprietà di questa piantina profumata? Cerchiamo di capirlo sulla base di ricerche scientifiche. Infine, vedremo anche i suoi usi in cucina. Presta attenzione se stai tenendo sotto controllo la glicemia con farmaci perché il coriandolo potrebbe potenziarne l'effetto, quindi chiedi sempre consiglio al tuo medico.

Coriandolo e digestione

Il coriandolo mostra proprietà digestive. Non solo, questa spezia ha anche un'azione antispasmodica, utile a placare i crampi addominali, e carminativa, evitando fermentazioni e pancia gonfia (Kaur et al, J Food Sci Technol, 2018).

Il coriandolo e la sua azione neuroprotettiva

Il coriandolo, grazie ai suoi oli essenziali, in particolare il linalolo contenuto prevalentemente nei semi e in parte anche nelle foglie, mostra un'interessante azione neuroprotettiva. Studi scientifici, infatti, hanno osservato che il coriandolo è in grado di aumentare la vitalità delle cellule cerebrali e di ridurre i danni indotti dagli accumuli di proteine beta amiloidi. Questi aggregati, infatti, sono tossici per i tessuti e sono la principale caratteristica della malattia di Alzheimer (Caputo et al, Phytother Res, 2021).

Coriandolo e infiammazioni

Il coriandolo contrasta i livelli di infiammazione cronica con benefici per il corpo, l'umore e il sistema immunitario (Agarwal et al, J Lipids, 2014).

Coriandolo e sindrome metabolica

Il coriandolo aiuta a contrastare l'ipertensione, il colesterolo alto e la glicemia alterata, che sono fattori che, se presenti contemporaneamente insieme al girovita aumentato e un eccesso di trigliceridi, possono portare ad una diagnosi di sindrome metabolica, con conseguenze sulla salute generale del corpo e del cuore (Sahib et al, Phytother Res, 2013). È stato osservato che, negli animali, l'estratto di semi di coriandolo ha saputo ridurre la glicemia e il rischio di arteriosclerosi entro sei ore (Aissaoui et al, J Ethnopharmacol, 2011).

Il coriandolo è antiossidante e protegge la pelle

Il coriandolo mostra proprietà anti age, utili a contrastare i processi di invecchiamento. Proprio grazie a questa azione antiossidante, il coriandolo si dimostra capace di proteggere anche la pelle dai danni dei raggi UV. In particolare, uno studio scientifico ha mostrato che le foglie di coriandolo sono state capaci di prevenire il fotoinvecchiamento, una delle cause della comparsa prematura di rughe, pelle secca e macchie scure (Hwang et al, J Med Food, 2014).

Coriandolo e dolori

Il coriandolo contiene diversi oli essenziali, tra cui linalolo, ma anche alfa pinene, geraniolo e canfora. Propri queste sostanze rendono il coriandolo antinfiammatorio e analgesico, utile anche in caso di mal di testa ed emicranie, reumatismi e dolori articolari (Mechhate et al, Molecules, 2021).

Coriandolo e sistema immunitario

Il coriandolo contrasta l'infiammazione cronica e questo ha un'azione benefica sul sistema immunitario. Infatti, una continua infiammazione indebolisce le nostre naturali difese. Non solo, il coriandolo rinforza e supporta anche la salute del microbiota intestinale, che è l'insieme di batteri che vivono nel nostro intestino. Un microbiota sano non porta solo una buona digestione ma anche una miglior risposta del sistema immunitario (Hosseinzadeh et al, ScientificWorldJournal., 2014). Infine, il coriandolo contiene preziosi antiossidanti, quali quercetina, kaempferolo, rutina, acido caffeico e ferulico, dall'azione antivirale e antitumorale (Yashin et al, Antioxidants, 2017).

Come usare il coriandolo

I semi di coriandolo possono essere aggiunti alle verdure ma anche all'impasto del pane e ai legumi. È possibile usare anche le foglie del coriandolo che arricchiscono zuppe, piatti a base di spezie e latte di cocco, come il curry con riso e peperoni, o salse. Puoi anche preparare un ottimo infuso con i semi di coriandolo, dalle proprietà digestive e carminative. Porta ad ebollizione una tazza di acqua, togli dal fuoco e aggiungi mezzo cucchiaino di semi di coriandolo, lascia in infusione per dieci minuti, quindi filtra e bevi.
AUTORE
Unisce la sua passione per uno stile di vita naturale e la sua formazione universitaria, è infatti laureata in fisica e ha il dottorato di ricerca in fisica, settore biofisica. Leggere articoli scientifici, documentarsi sulle ultime ricerche e testare nuovi metodi e ricette è quindi da sempre il suo lavoro, che, speriamo, di aver reso utile.

Potrebbero anche interessarti questi rimedi naturali

Cosmesi naturale, come re e regine Parte 25, i segreti strappati ai faraoni
Cosmesi naturale, come re e regine Parte 25, i segreti strappati ai faraoni
Per gli antichi egizi la cura del corpo era un rito. Preservare la bellezza e trovare la felicità non era solo una forma di rispetto per sé stessi ma anche per gli dei. Gli antichi egizi pensavano infatti, che, alle sogl
Ginepro
Ginepro
l’olio essenziale di ginepro può essere un valido rimedio in caso di ritenzione idrica e cellulite. Miscela 2-3 gocce di olio essenziale di ginepro e un cucchiaio di un olio, che può essere olio di germe di grano o olio
Natural beauty, idratazione del viso Parte 1, gli oli vegetali
Natural beauty, idratazione del viso Parte 1, gli oli vegetali
Occorre dare importanza al benessere della pelle e agli ingredienti dei cosmetici che vengono applicati andando oltre le marche di creme, sieri e saponi che spesso fanno solo aumentare il prezzo dei prodotti senza portar
Vitamina K
Vitamina K
La vitamina K è un tipo di vitamina liposolubile che viene accumulata nel fegato. Di vitamina K esistono in realtà due tipi, la vitamina K1 e la vitamina K2. Vediamo di capire la loro funzione, in quali cibi sono contenu
Fagioli borlotti
Fagioli borlotti
Il fagiolo, nome scientifico Phaseolus vulgaris, appartiene alla famiglia delle Leguminose. I semi della pianta, contenuti nei baccelli, sono commestibili e rappresentano un’ottima alternativa a carne e formaggi dal mome
Susine
Susine
Le susine sono i frutti dell’albero prunus salicina, da non confondere con le prugne vere e proprie che invece sono i frutti del pruno europeo o prunus domestica. Le susine fanno la loro comparsa sulle bancarelle dei mer
Glucosamina
Glucosamina
La glucosamina è un amino-monosaccaride, uno zucchero, ottenuto principalmente dalla chitina, un composto che si trova nel guscio di alcuni crostacei marini come i granchi. La glucosamina ha anche un ruolo nella sintesi
Miele millefiori
Miele millefiori
Il miele millefiori è un tipo di miele prodotto, lo suggerisce anche il nome, dal nettare di fiori diversi. Può essere prodotto in collina, in pianura o in montagna, si presenta di un colore giallo ambrato e ha un gusto
Rimedi naturali
Scarica l'App
Copyright © 2022 - Rimedi naturali Registered Brand 302018000008020
x