Malva, uso esterno

Per applicazioni esterne svolge un’azione antinfiammatoria, lenitiva, cicatrizzane e purificante, utile per contrastare acne, ascessi, eczema, prurito ed orticaria, di aiuto anche in caso di cistite, afte e mal di gola.
La malva, nome scientifico Malva sylvestris, è una piantina generosa e davvero benefica. Oltre ad essere un ingrediente per infusi utili a calmare tossi, bronchiti, raffreddori o infiammazioni del sistema digerente come la gastrite o anche per contrastare la stitichezza, come già descritto in un post precedente, può anche essere usata per applicazioni esterne per trattare afte, mal di gola, prurito, foruncoli, ascessi, gotta e reumatismi. La malva è emolliente, aiuta la rigenerazione dei tessuti, è cicatrizzante, calma le irritazioni e promuove l’eliminazione delle tossine, è antinfiammatoria e agisce come ottimo detergente sulla pelle rimuovendo le impurità, contrastando l’acne e anche le macchie scure cutanee. Per un’azione purificante e lenitiva puoi preparare dei suffumigi con malva, in alternativa puoi ricorrere al decotto. Porta ad ebollizione un litro di acqua insieme a una manciata di malva, fai sobbollire per pochi minuti poi filtra, lascia intiepidire e applica come impacco in caso di scottature, allergie pruriginose, ferite, flebiti, punture di insetti, acne, pruriti, irritazioni della pelle. Puoi anche usare lo stesso decotto per fare gargarismi in caso di mal di gola, afte o irritazioni del cavo orale o delle gengive. Il decotto di malva è anche utile per semicupi in caso di infiammazioni intime come la cistite.
Scarica ora l'App Rimedi Naturali, l'app di benessere e salute naturale, è gratis!
Rimedi naturali
Scarica l'App
Copyright © 2020 - naturallifeapp.com Registered Brand 302018000008020
x
Home
Chi siamo
App
Rimedi naturali
Esercizi Yoga
Rimedi fai da te
Ricette Sane
Oli essenziali
Cerca
Il nostro libro
Shop