Menu
Natural Home Remedies healthy recipesNatural Home Remedies healthy lifestyle
Olio evo, burro, olio di palma o di semi, cosa è meglio, e più sano, usare in cucina?

Olio evo, burro, olio di palma o di semi, cosa è meglio, e più sano, usare in cucina?

Cosa usare per condire e cucinare? Vediamo una descrizione dei principali burri e grassi comunemente utilizzati. In particolare, approfondiremo le loro proprietà per la salute, se esistenti, ed eventuali danni che il loro consumo può causare sul lungo periodo
Olio d'oliva, burro, olio di palma o olio di semi, quando si tratta di oli e grassi per condire o cucinare c'è davvero l'imbarazzo della scelta. Ma quali sono i migliori prodotti da utilizzare tutti i giorni per le nostre pietanze? L'olio di cocco, di cui negli ultimi tempi si sente un gran parlare soprattutto nelle riviste dedicate al benessere, è da evitare o può risultare benefico? E il burro? Cerchiamo di capire meglio facendo riferimento, come sempre, alle riviste scientifiche.

Il caso Finlandia e il problema del burro

Hai mai sentito parlare del caso Finlandia? Ebbene, negli anni 60 la Carelia, una regione nel nord della Finlandia, aveva la triste nomea di terra delle vedove bionde. Questo perché, a causa di un'alimentazione sbilanciata, basata quasi esclusivamente su burro, pane e aringhe e con pochissime frutta e verdura, si registrava un elevatissimo tasso di mortalità per patologie cardiovascolari già tra i giovani sotto i 40 anni. Grazie a una vasta campagna di sensibilizzazione le persone cambiarono alimentazione, riducendo drasticamente il consumo di burro e aumentando quello di frutta e verdura. Non solo, venne ridotto anche il fumo di sigaretta, che prima purtroppo era un'abitudine molto diffusa. E i risultati? Incredibili. In meno di 30 anni i morti per infarto si sono ridotti del 70% e il colesterolo è diminuito di ben 100 punti, passando da una media di 340 a una media di 240. Chiaramente il burro non va demonizzato ed escluso completamente dalla propria alimentazione, infatti un burro di qualità contiene vitamine, quali la A, E, K e D, e sali minerali come calcio e fosforo (Paduret et al, Molecules, 2021), ma occorre non esagerare. Infatti, Il problema del burro è che contiene acidi grassi saturi a catena lunga, come l'acido stearico, che possono aumentare il rischio di infiammazioni, obesità e resistenza all'insulina (Di Nicolantonio et al, Mo Med, 2017).

Olio di girasole

Si sente spesso parlare che è meglio sostituire il burro con oli vegetali, come l'olio di girasole, in quanto ricchi di acidi grassi insaturi. Tuttavia, bisogna prestare attenzione. Infatti, spesso questi oli sono ricchi di acid grassi insaturi del tipo omega 6. Pertanto, quello che emerge, è che questi oli possono essere utili a tenere sotto controllo il colesterolo ma, sul lungo periodo e se usati in grandi quantità, possono aumentare i livelli di infiammazione (Masi et al, J Biomed Biotechnol, 2012).

Olio di cocco

Sempre più spesso, in diverse ricette per la salute, si vede comparire, tra gli ingredienti, l'olio di cocco vergine. Ma l'olio di cocco è una scelta salutare? Come vedremo, questo è proprio il caso in cui la differenza viene fatta dalla quantità. L'olio di cocco contiene acidi grassi saturi, dannosi per il cuore. Per questo motivo non bisognerebbe mai eccedere con il suo utilizzo ma si dovrebbe includere nella propria dieta una quantità che non superi mai il 10% dell'apporto energetico totale (Chinwong et al, Evid Based Complement Alternat Med., 2017). Tuttavia, l'olio di cocco contiene gli acidi grassi laurico e miristico e un suo consumo moderato, non più di 30 ml al giorno, e all'interno di una dieta bilanciata ha mostrato di aumentare, proprio grazie a questa caratteristica, i valori di colesterolo buono HDL (Chinwong et al, Evid Based Complement Alternat Med., 2017). In più, l'acido laurico, proprio come l'acido oleico dell'olio evo, ha una maggiore probabilità di venire utilizzato per la produzione di energia, pertanto, non tende ad accumularsi come grasso indesiderato e, anzi, stimola il metabolismo (Di Nicolantonio et al, Mo Med, 2017).

Olio evo, il re dei condimenti

L'olio evo, o extra vergine di oliva, come abbiamo già potuto osservare in articoli precedenti, è più di un condimento, è un vero superfood. Cardine della dieta Mediterranea, l'olio evo è ricco di polifenoli, che sono sostanze antiossidanti, capaci anche di proteggere il cervello. Infatti, uno studio ha potuto osservare che l'assunzione di olio evo ha migliorato memoria e apprendimento e ha contrastato lo stress ossidativo nel cervello, contribuendo a prevenire i danni degli accumuli di proteine beta amiloidi e tau, caratteristica della malattia di Alzheimer. Questa azione neuroprotettiva non è invece stata osservata con l'olio di cocco e il burro (Farr et al, J Alzheimers Dis, 2012). In più, l'acido oleico dell'olio evo può persino accelerare il metabolismo (Di Nicolantonio et al, Mo Med, 2017).

Olio di palma

L'olio di palma contiene acidi grassi a catena lunga, quali l'acido palmitico, che aumenta il rischio di infiammazioni, accumulo di grasso e resistenza all'insulina (Di Nicolantonio et al, Mo Med, 2017).
AUTORE
Unisce la sua passione per uno stile di vita naturale e la sua formazione universitaria, è infatti laureata in fisica e ha il dottorato di ricerca in fisica, settore biofisica. Leggere articoli scientifici, documentarsi sulle ultime ricerche e testare nuovi metodi e ricette è quindi da sempre il suo lavoro, che, speriamo, di aver reso utile.
Natural Remedies App Logo
Scarica ora l'App Rimedi Naturali, l'app di benessere e salute naturale, è gratis!

Potrebbero anche interessarti questi rimedi naturali

Olio di borragine
Olio di borragine
La borragine, nome scientifico Borago officinalis, è una pianta spontanea caratterizzata da foglioline ricoperte da peluria e fiori di un bel colore blu-viola. In un post precedente abbiamo visto come questa pianta possa
Olio di avena
Olio di avena
L’olio di avena si ottiene, come suggerisce il nome, dall’avena, nome scientifico avena sativa della famiglia delle Poaceae. Questo olio trova larga applicazione in cosmetica grazie alle sue proprietà lenitive, emollient
Olio di enotera
Olio di enotera
L’olio di enotera è reperibile in capsule in farmacia o erboristeria. Risulta particolarmente ricco di vitamina E e per le sue proprietà aiuta a mantenere l’elasticità della pelle e a prevenire l’insorgenza di rughe. Lo
Olio di mandorle dolci
Olio di mandorle dolci
L’olio di mandorle dolci è un olio vegetale ottenuto, come appunto suggerisce il nome, dalla spremitura a freddo delle mandorle dolci, i semi del Prunus dulcis. Questo olio, grazie alla presenza di acidi grassi insaturi
Olio di semi di chia
Olio di semi di chia
La chia, o Salvia hispanica, è una pianta della famiglia delle Lamiaceae, la stessa della menta, originaria dell’America Centrale. Già conosciuta e coltivata all’epoca degli Aztechi, al giorno d’oggi i suoi semi sono app
Olio di vinacciolo, uso cosmetico
Olio di vinacciolo, uso cosmetico
L’olio di semi di vinacciolo viene ottenuto per spremitura a freddo dei vinaccioli, i semi degli acini d’uva, Vitis Vinifera. Abbiamo già avuto modo di vedere come il suo prezioso contenuto in antiossidanti e acidi grass
Olio di curcuma, olio di bellezza e salute
Olio di curcuma, olio di bellezza e salute
La curcuma, nome scientifico Curcuma longa, chiamata anche zafferano delle indie, è una pianta originaria dell’Asia. La sua radice, di un bel colore arancio intenso, viene venduta sotto forma di polvere o tubero intero.
Olio di noci di macadamia
Olio di noci di macadamia
Nel post precedente abbiamo visto le proprietà salutari delle noci di Macadamia, un tipo di frutto oleoso dal sapore che ricorda quello del cocco e che vanta un effetto antinfiammatorio e protettivo sul sistema cardiovas
Rimedi naturali
Scarica l'App
Copyright © 2022 - Rimedi naturali Registered Brand 302018000008020
x