Patate americane

Vitamine, sali minerali ma soprattutto carotenoidi, potenti antiossidanti che garantiscono la salute del sistema cardiovascolare e aiutano a combattere i processi di invecchiamento, grazie alle fibre presenti risultano utili contro la stitichezza, uno studio ha dimostrato che la buccia delle patate dolci contiene una sostanza capace di abbassare la glicemia.
Le patate americane, anche note come patate dolci, nome scientifico Ipomoea batatas, appartengono alla famiglia delle Convolvulaceae e sono caratterizzate da una polpa arancione e un gusto più dolce rispetto alla patata comune che si usa in cucina. In realtà, a parte il nome, le patate americane non hanno molto in comune con queste patate che appartengono anzi a una famiglia diversa, quella delle Solanaceae, per intenderci la stessa di pomodori, melanzane e peperoni. Le patate americane sono dei tuberi scoperti da Cristoforo Colombo in America anche se adesso si possono trovare ovunque. Sono ricche di vitamine, come A, C ed E, caroteni, che sono sostanze antiossidanti utili a contrastare i processi di invecchiamento e con un’azione protettiva nei confronti del sistema cardiovascolare dal momento che impediscono l’ossidazione del colesterolo LDL, e minerali, come il potassio, molto utile per tenere sotto controllo la pressione sanguigna, ferro, fosforo, manganese e calcio. Delle patate dolci si parla anche nel libro Anti-cancro del dottor David Servan-Schreiber in quanto ricche di vitamina A e licopene, dalla dimostrata capacità di inibire la progressione delle cellule tumorali. Non solo, le patate americane, nonostante abbiano un sapore più dolce e simile a quello della castagna, non hanno un indice glicemico elevato e questa è una notizia molto importante perché sono proprio gli alimenti con indice glicemico elevato che a lungo andare possono indurre una condizione chiamata insulino resistenza, l’anticamera del diabete tipo 2, dell’obesità, delle infiammazioni e di malattie cardiovascolari. Infine le patate americane sono ricche di fibre che si rivelano utili contro la stitichezza. Come consumarle? Le patate dolci sono talmente buone che possono essere consumate anche da sole dopo una bollitura di 15-20 minuti. Puoi togliere la buccia ma puoi anche decidere di consumarla insieme alla preziosa polpa in quanto, in base a uno studio dell’Istituto di ingegneria biomedica del Cnr di Padova in collaborazione con l’Università di Vienna, è stato scoperto che proprio la buccia delle patate dolci contiene una sostanza capace di ridurre la glicemia a digiuno e il colesterolo. Puoi anche cuocere le patate dolci in forno ma in questo caso l’indice glicemico aumenta.
Scarica ora l'App Rimedi Naturali, l'app di benessere e salute naturale, è gratis!
Rimedi naturali
Scarica l'App
Copyright © 2020 - naturallifeapp.com Registered Brand 302018000008020
x
Home
Chi siamo
App
Rimedi naturali
Esercizi Yoga
Rimedi fai da te
Ricette Sane
Oli essenziali
Cerca
Il nostro libro
Shop