Menu
Natural Home Remedies healthy recipesNatural Home Remedies healthy lifestyle
Coronavirus, come disinfettare le superfici di casa

Coronavirus, come disinfettare le superfici di casa

Contro il coronavirus, come disinfettare le superfici di casa, scopriamo cosa dice la scienza a riguardo
Come disinfettare le superfici di casa, ufficio e dispositivi elettronici per rimuovere virus e batteri.

L’emergenza nuovo coronavirus ha reso indispensabile alzare il livello delle misure igieniche che dobbiamo mettere in atto nella vita di tutti i giorni. Tra questi accorgimenti, è importante non solo pulire le mani ma anche disinfettare le superfici di casa, dell’ufficio, pomelli delle porte, interruttori della luce, telefoni e tablet. Cerchiamo di capire perché è utile, cosa si può fare, quanto resiste il coronavirus sulle superfici e cosa dice la scienza al riguardo.

Coronavirus, quanto resiste sulle superfici?

Il virus si trasmette attraverso goccioline, in inglese chiamate droplets, che possono contaminare le mucose come quelle di occhi, naso e bocca ma anche mani e superfici. Quello che gli scienziati stanno cercando di capire è quanto il virus resiste fuori dal corpo. Una ricerca scientifica ha osservato che il coronavirus umano resiste sulle superfici, quali metallo, vetro o plastica, fino a 9 giorni (Kampf et al, J Hosp Infect, 6 Feb 2020). Quello che viene contestato da altri scienziati è che lo studio si è svolto non in un ambiente reale ma in laboratorio, a condizioni ideali. Quindi, possiamo dire che 9 giorni è la massima sopravvivenza del virus in condizioni ad esso favorevoli e che non si troverebbero normalmente. Dobbiamo ragionevolmente aspettarci quindi che il virus riesca a sopravvivere in realtà solo poche ore fuori dal corpo, come indicato in tutte le attuali linee guida e informative ufficiali. Anche se sono poche ore è però importante disinfettare le superfici con cui il virus può essere venuto in contatto, vediamo come.

Coronavirus, non sopravvive all’alcol

Sempre lo stesso studio (Kampf et al, J Hosp Infect, 6 Feb 2020) afferma che il virus viene inattivato entro un minuto disinfettando le superfici con prodotti che contengano dal 62 al 71% di alcol etilico e 0,5% di acqua ossigenata oppure 0,1% di ipoclorito di sodio, chiamato anche candeggina. Altri agenti come cloruro di benzalconio o chlorhexidine digluconate, entrambi disinfettanti, sono risultati meno attivi.

Coronavirus, come disinfettare superfici e smartphone

Usa sempre i guanti per pulire e disinfettare le superfici, i guanti poi vanno buttati. Se le superfici sono sporche queste vanno pulite con acqua e sapone. Poi passa sulle superfici prodotti che contengano almeno il 70% di alcool. In alternativa, è possibile usare prodotti che contengano una piccola quantità di candeggina, attenzione però, quest’ultimo prodotto non è assolutamente indicato per le mani! Diverso discorso per gli smartphone o altri dispositivi elettronici. Infatti, in questo caso, alcool e candeggina sarebbero troppo aggressivi, è meglio quindi usare un panno in microfibra, come quello degli occhiali, da bagnare con acqua e sapone. Quando si procede a pulire un dispositivo elettronico, questo va sempre spento e scollegato dal cavo di alimentazione, poi si procede a pulirlo con piccoli movimenti. Infine, il telefono va asciugato usando sempre un panno in microfibra.

Natural Remedies App Logo
Scarica ora l'App Rimedi Naturali, l'app di benessere e salute naturale, è gratis!
Rimedi naturali
Scarica l'App

Rimedi naturali

App

Shop

Seguici

Copyright © 2021 - Rimedi naturali Registered Brand 302018000008020
x