Menu
Natural Home Remedies healthy recipesNatural Home Remedies healthy lifestyle
Selenio

Selenio

Azione antiossidante, antivirale, antinfiammatoria e antitumorale, protegge cuore e tiroide, preferibile assumerlo con la dieta
Il selenio è un oligoelemento essenziale per il corpo e la salute grazie alla sua azione antiossidante, antinfiammatoria e antitumorale, risulta anche benefico per il cuore, il sistema immunitario e la tiroide. Il selenio è stato descritto per la prima volta nel 1817 e deve il suo nome al termine greco selene, che indica la luna, riferendosi al colore chiaro e argenteo che il selenio assume quando viene fuso e poi raffreddato. In passato si era ritenuto erroneamente che il selenio fosse tossico, invece, negli anni 60, questa credenza è stata completamente ribaltata grazie a studi scientifici che hanno potuto comprendere la reale azione benefica del selenio quando viene assunto alle dosi corrette e si evitano eccessi. Ma cerchiamo di capire meglio.

Selenio, proprietà

Questo elemento è fondamentale per la sintesi di particolari proteine, chiamate selenoproteine, coinvolte in diversi processi dell’organismo. Infatti, le selenoproteine contrastano i radicali liberi e le infiammazioni e sono anche coinvolte nella produzione di ormoni tiroidei e nei processi antiossidanti che interessano la tiroide (Ventura et al, Int J Endocrinol, 2017). Una carenza di selenio si associa a una risposta immunitaria debole, al declino cognitivo e a un aumento del rischio di mortalità mentre alti valori di selenio aiutano a contrastare i virus, proteggono i processi riproduttivi e riducono il rischio di malattie autoimmuni che colpiscono la tiroide. Non solo, il selenio si dimostra anche protettivo nei confronti di alcuni tipi di tumori come prostata, colon, polmoni e vescica (Rayman et al, Lancet, Mar 2012).

Selenio, fabbisogno e fonti alimentari

Nell’adulto il fabbisogno giornaliero è tra 0,05 e 0,07 mg, in base alle linee guida dei diversi Paesi (Ventura et al, Int J Endocrinol, 2017). Un’alimentazione varia garantisce il corretto apporto di selenio. Il selenio infatti si trova nel terreno su cui crescono piante e cereali che noi mangiamo o che mangiano gli animali da cui poi noi deriviamo altri prodotti alimentari. In questo modo possiamo apportare il selenio nel nostro corpo. Fonti alimentari di selenio sono le noci del Brasile, ne bastano due al giorno, semi, cereali non raffinati, soprattutto orzo, carne, sia di manzo che di pollo, pesce, soprattutto merluzzo, molluschi e tonno, vegetali a foglia verde, funghi shiitake, champignon e il latte (Thomson et al, Am J Clin Nutr, Feb 2008 – Stoffaneller et al, NUtrients, 2015 – USDA Food Composition Database)

Selenio e integratori, quando assumerli e rischi

In generale, grazie a un’alimentazione varia, non è necessario ricorrere ad integratori di selenio. Tuttavia, in alcuni casi come processi infiammatori cronici, che causano un abbassamento dei valori di selenio, terapie farmacologiche lunghe, infezioni recidivanti, età che avanza può essere utile, dopo averne discusso con il proprio medico, assumere del selenio sotto forma di integratori. In ogni caso, occorre sempre prestare attenzione a ricorrere a integratori. Evita il fai da te in quanto se una carenza di selenio è da evitare altrettanto poco desiderabile è avere livelli troppo alti di selenio. Infatti, quando il selenio introdotto con la dieta già garantisce valori corretti di questo elemento, ulteriori integratori di selenio, oltre a non portare benefici aggiuntivi, sono considerati anche la causa di un aumentato rischio di sviluppare diabete tipo 2 e, in caso di livelli davvero molto alti di questo minerale, anche di dolori addominali, nausea, vomito (Rayman et al, Lancet, Mar 2012 – Duntas et al, Endocrine, Apr 2015). Comunque, queste considerazioni si riferiscono unicamente agli integratori e non al selenio introdotto con la dieta.
AUTORE
Unisce la sua passione per uno stile di vita naturale e la sua formazione universitaria, è infatti laureata in fisica e ha il dottorato di ricerca in fisica, settore biofisica. Leggere articoli scientifici, documentarsi sulle ultime ricerche e testare nuovi metodi e ricette è quindi da sempre il suo lavoro, che, speriamo, di aver reso utile.
Natural Remedies App Logo
Scarica ora l'App Rimedi Naturali, l'app di benessere e salute naturale, è gratis!

Potrebbero anche interessarti questi rimedi naturali

Zucchero di canna, uso cosmetico
Zucchero di canna, uso cosmetico
Lo sapevi che è proprio dalla canna da zucchero, o Saccharum officinarum, che si ottiene un interessante alleato per la nostra bellezza? Eh sì, perché lo zucchero di canna può diventare un ingrediente irrinunciabile per
Natural Beauty, tè verde contro acne, rughe e scottature
Natural Beauty, tè verde contro acne, rughe e scottature
Il tè verde è un elisir di giovinezza, è un potente antiossidante, protegge cervello e cuore e, come vedremo oggi, è anche un vero cosmetico di bellezza. E il suo punto di forza è che aiuta tutti i tipi di pelle. Basta p
Sciroppo d’acero
Sciroppo d’acero
Lo sciroppo d’acero è un liquido zuccherino ricavato dalla linfa dell’acero da zucchero e dell’acero nero. Viene usato come dolcificante spalmato sul pane la mattina o aggiunto alle tisane o allo yogurt. Lo sciroppo d’ac
Mastiha
Mastiha
La mastiha, o mastika, è una resina vegetale ottenuta dagli alberi di lentisco, nome scientifico Pistacia lentiscus (L.) var. chia. Il lattice che fuoriesce dai tronchi di queste piante si solidifica a contatto con l’ari
Melatonina
Melatonina
La melatonina è un ormone prodotto principalmente dall’epifisi, o ghiandola pineale, che si trova alla base del nostro cervello. Nel sangue, i valori di melatonina aumentano con la restrizione calorica e il buio mentre c
Cercis siliquastrum (albero di Giuda)
Cercis siliquastrum (albero di Giuda)
Cercis siliquastrum, o albero di Giuda, è una pianta appartenente alla famiglia delle Fabaceae. L’albero ha un importante ruolo ornamentale dal momento che è caratterizzato da una copiosa fioritura di un bel colore rosa
Uva bianca
Uva bianca
L’uva è il frutto della vite, vitis vinifera. In realtà, l’uva è un raggruppamento di frutti che formano il grappolo, che poi noi possiamo raccogliere dalla pianta o acquistare dal fruttivendolo. Di uva esistono diversi
Tiglio
Tiglio
Il tiglio, nome scientifico Tilia, è una pianta della famiglia delle Tiliaceae, può raggiungere notevoli dimensioni ed è caratterizzata da una grande longevità. Fiori, foglie e corteccia di tiglio sono considerati ottimi
Rimedi naturali
Scarica l'App
Copyright © 2022 - Rimedi naturali Registered Brand 302018000008020
x