Menu
Natural Home Remedies healthy recipesNatural Home Remedies healthy lifestyle
Semi di chia, piccole fonti di salute

Semi di chia, piccole fonti di salute

Vitamine, sali minerali, proteine, antiossidanti e sostanze dall’azione antinfiammatoria, proteggono la salute del cuore, migliorano la sensibilità all’insulina, saziano e aiutano a ridurre la circonferenza vita. Possono anche essere usati al posto delle uova nelle ricette dolci e salate
Piccoli piccoli e scuri, così si presentano i semi di chia, che sono balzati alla ribalta negli ultimi anni diventando uno dei cibi salutari per eccellenza. Ma perché tanto clamore? Cechiamo di capirlo sulla base di ricerche scientifiche. Vedremo poi anche alcune idee per usare i semi di chia in cucina e farli diventare nostri preziosi alleati in diverse preparazioni.

Semi di chia, proprietà

La chia, nome scientifico salvia hispanica, è una pianta della famiglia delle Lamiaceae tipica del Messico e del Guatemala e, grazie ai suoi semi, è parte dell’alimentazione umana da più di 5000 anni. Sembra che persino i Maya e gli Aztechi usassero i semi di chia sia come cibo che come rimedio. I semi di chia apportano acidi grassi del tipo omega tre, circa 30%. Questi acidi grassi, il cui esponente più importante è l’acido alfa linolenico, si caratterizzano per un’azione cardioprotettiva. Non solo, i semi di chia sono anche una preziosa fonte di proteine in una percentuale che si aggira tra il 15% e il 25%, e di fibre, circa il 35%, che contribuiscono a tenere sotto controllo la glicemia e il colesterolo, stimolano il transito intestinale e saziano, contrastando quindi il desiderio continuo di pasti fuori orario (Ayaz et al, Nutr Res Pract, 2017). Apportano poi vitamine, come vitamina A, C e gruppo B, minerali, come calcio, magnesio, selenio, ferro, zinco, fosforo e potassio, e antiossidanti come rutina, kaempferolo e quercetina, che ha anche un’azione antivirale (Ullah et al, J Food Sci Technol, 2016). È stato osservato che l’assunzione di semi di chia è in grado di portare beneficio ad alcuni indicatori della salute del metabolismo, in particolare, l’integrazione di questi semini in una dieta ad alto contenuto in grassi e zuccheri ha migliorato la tolleranza all’insulina e ha ridotto gli indicatori del danno epatico già dopo sei settimane (Kulczy?skiet al, Nutrients, 2019). Non solo, i semi di chia aiutano a ridurre i trigliceridi e il colesterolo LDL e aumentano allo stesso tempo il colesterolo buono HDL. Benefici sono anche stati osservati per quanto riguarda gli accumuli di grasso addominale, il più pericoloso. È stato rilevato, infatti, che l’assunzione di semi di chia ha contribuito a ridurre la circonferenza vita (Kulczy?skiet al, Nutrients, 2019). I semi di chia sono anche antinfiammatori, anti age e antitumorali (Melo et al, Food Funct, 2019). Infine, i semi di chia non contengono glutine per cui possono essere consumati anche da persone con celiachia.

Semi di chia, come usarli in cucina

A differenza dei semi di lino che, per essere meglio digeriti, vanno macinati, i semi di chia possono venire consumati interi, ma a patto di associarli con un liquido. Infatti, come suggerito dai ricercatori dell’Università di Harvard, i semi di chia hanno un involucro molto delicato che si rompe facilmente quando entra in contatto con i liquidi. Ecco perché è una buona scelta servire i semi di chia mescolati a succhi, yogurt o anche semplicemente ad acqua, questo li rende facilmente digeribili. Per esempio, in una ciotolina versa 1 cucchiaio di semi di chia e aggiungi 4 cucchiai di acqua, mescola e lascia riposare per circa 15-20 minuti. In questo modo si formerà un gel che può essere aggiunto allo yogurt o anche agli smoothie. Un’altra idea è preparare un budino ai semi di chia. In una coppetta versa quattro cucchiai di semi di chia e 250 ml di un latte vegetale, come latte di mandorle o noci cashew. Mescola e lascia riposare per mezz’ora in frigorifero. Riprendi dal frigo e decora con frutti di bosco e frutta secca.

Semi di chia al posto dell’uovo

I semi di chia, per l’azione addensante, possono essere usati al posto dell’uovo nelle ricette. Per sostituire un uovo puoi fare così. Mescola 1 cucchiaio di semi di chia con 3 cucchiai di acqua. Mescola e lascia riposare per un quarto d’ora, fino a che si sarà formata la gelatina. Puoi usare al posto dell’uovo nelle ricette di torte, plumcake o biscotti.

Marmellatina facile con i semi di chia

Ecco una ricetta gustosa e semplice per preparare una deliziosa marmellata con i semi di chia. Metti nel mixer due tazze di frutti di bosco, surgelati e sgelati o freschi, aggiungi due cucchiai di semi di chia, un cucchiaio di succo di mela e poco miele, se lo desideri. Frulla gli ingredienti insieme. Lascia riposare mezz’ora, poi versa in un barattolo, chiudilo bene e conserva in frigorifero per non più di 5-7 giorni.

Semi di chia, controindicazioni

I semi di chia sono considerati generalmente sicuri. Tuttavia, come suggerisce anche l’Università di Harvard, è sempre bene mescolare i semi di chia al liquido prima di ingerirli. Infatti, è stato riportato un caso risalente al 2014 in cui una persona aveva assunto i semi di chia secchi e subito dopo aveva bevuto un bicchiere di acqua. I semi di chia, dal momento che assorbono velocemente il liquido, avevano così causato un blocco nell’esofago (Dal sito ufficiale della Harvard T.H Chan School of Public Health).
AUTORE
Unisce la sua passione per uno stile di vita naturale e la sua formazione universitaria, è infatti laureata in fisica e ha il dottorato di ricerca in fisica, settore biofisica. Leggere articoli scientifici, documentarsi sulle ultime ricerche e testare nuovi metodi e ricette è quindi da sempre il suo lavoro, che, speriamo, di aver reso utile.
Natural Remedies App Logo
Scarica ora l'App Rimedi Naturali, l'app di benessere e salute naturale, è gratis!

Potrebbero anche interessarti questi rimedi naturali

Semi di lino
Semi di lino
I semi di lino sono ricchi di acidi grassi omega 3, che aiutano a tenere a bada i livelli di colesterolo nel sangue, e di lignani, un tipo di fitoestrogeni a cui si attribuiscono proprietà antitumorali. Oltre a queste pr
Semi di girasole
Semi di girasole
I semi di girasole sono raccolti dalla pianta Helianthus annuus, o girasole comune, appartenente alla famiglia delle Asteraceae e caratterizzata da una grande e tipica infiorescenza che tende a orientarsi verso il sole.
Semi di carvi
Semi di carvi
Il cumino dei prati, chiamato anche carvi o cumino selvatico, nome scientifico carum carvi, è una pianta della famiglia delle Apiaceae i cui semi sono molto usati, soprattutto nella cucina nel nord Europa, per aromatizza
Olio di semi di chia
Olio di semi di chia
La chia, o Salvia hispanica, è una pianta della famiglia delle Lamiaceae, la stessa della menta, originaria dell’America Centrale. Già conosciuta e coltivata all’epoca degli Aztechi, al giorno d’oggi i suoi semi sono app
Olio di semi di girasole, uso cosmetico di bellezza
Olio di semi di girasole, uso cosmetico di bellezza
Dalla spremitura dei semi della pianta del girasole, nome scientifico Helianthus annuus, si ottiene un olio che può essere usato sia in cucina che in ambito cosmetico per la bellezza della pelle di viso, corpo e mani. De
Olio di semi di lino (uso alimentare)
Olio di semi di lino (uso alimentare)
Il lino, nome scientifico Linum usitatissimum, è una pianta della famiglia delle Linaceae molto conosciuta ed apprezzata dal momento che, dalla spremitura a freddo dei suoi semi, si ottiene un olio delicato, dal sapore c
Semi di papavero
Semi di papavero
I semi di papavero sono dei semi oleosi usati in cucina soprattutto per arricchire pane e dolci, possono presentarsi bianchi o neri ma le proprietà sono uguali. Sono una fonte di calcio, risultando un valido aiuto per
Semi di zucca
Semi di zucca
La zucca è il frutto di diverse piante appartenenti alla famiglia delle Cucurbitaceae. Oltre alla sua polpa, dolce e molto sana, si consumano anche i semi, anche questi ricchi di importanti proprietà salutari. Questi sem
Rimedi naturali
Scarica l'App
Copyright © 2022 - Rimedi naturali Registered Brand 302018000008020
x